Home Alunni Ancora preoccupanti i dati sulla dispersione scolastica in Europa

Ancora preoccupanti i dati sulla dispersione scolastica in Europa

CONDIVIDI

La rete Eurydice ha pubblicato un nuovo volume della collana “Eurydice Brief” sulla lotta all’abbandono precoce dei percorsi di istruzione e formazione (Early Leaving from Education and Training – ELET) in UE.

I dati contenuti nel volume si riferiscono a tutti gli Stati membri e alla Norvegia, Islanda, Svizzera e Turchia. L’anno di riferimento è il 2013/2014.

Icotea

Si tratta di una sintesi del rapporto comparativo di Eurydice, uscito alcuni mesi fa, che pone nuovamente l’accento sul fenomeno della dispersione scolastica nei sistemi educativi europei, un fenomeno che continua a rappresentare una seria preoccupazione quasi ovunque in Europa.

Infatti, nonostante tutti paesi abbiano attuato misure per combattere la dispersione scolastica e in generale si stiano  avvicinando all’obiettivo europeo di ridurre, entro il 2020, la percentuale di coloro che abbandonano precocemente i percorsi di istruzione e formazione al di sotto del 10%, solo in pochi Stati UE si è finora sviluppata una specifica strategia di contrasto, che integri misure di prevenzione, di intervento e di compensazione, come suggerito dalla Raccomandazione del Consiglio dell’Unione europea.

Nella sintesi proposta da Eurydice si prende inoltre in esame il fondamentale ruolo dell’orientamento scolastico e professionale e della cooperazione transettoriale nel combattere tale fenomeno, fornendo anche alcuni studi di caso.