Home Personale Anno di formazione e prova. Chi deve effettuarlo

Anno di formazione e prova. Chi deve effettuarlo

CONDIVIDI
  • Credion

In seguito ai dubbi manifestati da una nostra lettrice, chiariamo chi è tenuto a effettuare l’anno di formazione e prova e in quali casi un docente è esentato.

Obbligatorietà formazione e prova

L’anno di formazione e prova rappresenta un passaggio obbligato per tutti i docenti che sono immessi in ruolo nella scuola statale di ogni ordine e grado, la cui procedura ha subito un profondo cambiamento, in relazione a quanto previsto dal D.M. 850/2015.

Icotea

Finalità

Il periodo di formazione e prova ha come fine la verifica delle competenze professionali del docente nell’azione didattica, nella progettazione e nell’ambito dell’organizzazione scolastica.

Attività formative

L’anno di formazione e prova per i docenti neoassunti, è stato articolato in diverse fasi d’incontri iniziali e finali, laboratori formativi, osservazione reciproca dell’attività didattica (peer to peer) e attività sulla piattaforma on line, per la durata complessiva di 50 ore.

Docenti tenuti alla formazione e prova

Devono svolgere l’anno di formazione e prova i docenti :

  • al primo anno di servizio con incarico a tempo indeterminato, a qualunque titolo conferito, e che aspirino alla conferma nel ruolo;
  •  per i quali sia stata richiesta la proroga del periodo di formazione e prova o che non abbiano potuto completarlo negli anni precedenti.
  • per i quali sia stato disposto il passaggio di ruolo.
  • che hanno avuto una valutazione negativa del periodo di formazione e di prova, (la formazione e prova può essere ripetuta una sola volta)

Docenti esentati dall’anno di formazione e prova:

i docenti che hanno:

  • già svolto il periodo di formazione e prova nello stesso grado di nuova immissione in ruolo;
  •  ottenuto il rientro in un precedente ruolo nel quale abbiano già svolto il periodo di formazione e prova
  • superato positivamente l’anno di formazione e di prova e siano nuovamente assunti per il medesimo grado perché precedentemente immessi in ruolo con riserva,
  • ottenuto il trasferimento da posto comune a sostegno e viceversa nell’ambito del medesimo grado;
  • ottenuto il passaggio di cattedra nello stesso ordine e grado di scuola.