Home Personale Assegnazione provvisoria, limitazioni per chi non ha ottenuto conferma in ruolo

Assegnazione provvisoria, limitazioni per chi non ha ottenuto conferma in ruolo

CONDIVIDI

Una docente che ha ottenuto il passaggio di ruolo da primaria posto comune a infanzia posto sostegno, ci chiede se può fare domanda di assegnazione provvisoria verso la primaria.

Passaggio di ruolo e assegnazione provvisoria

Nel caso della docente che con la mobilità 2019/2020 ha ottenuto il passaggio di ruolo dalla primaria su posto comune a infanzia posto sostegno, potrà fare domanda di assegnazione solo per l’infanzia, in quanto si presume non abbia ancora ottenuto la conferma in ruolo all’infanzia, e potrà richiedere soltanto i posti di sostegno in quanto c’è il vincolo quinquennale di restare su posto di sostegno.

È utile ricordare che ai seni dell’art.7, comma 5, dell’ipotesi di contratto collettivo nazionale integrativo sulle utilizzazioni 2019-2022, non sono consentite assegnazioni provvisorie per grado di istruzione diverso da quello di appartenenza nei confronti del personale che non abbia ottenuto la conferma in ruolo per l’anno scolastico 2019/20 ovvero 2020/21 ovvero 2021/22.

ICOTEA_19_dentro articolo

Come specificato dal comma 4 dell’art.7 suddetto, nelle domande di assegnazione provvisoria i posti di sostegno e i posti di tipo speciale concorrono ai fini del rispetto del vincolo quinquennale di servizio su tale tipologia di posti.

Per quanto suddetto una docente che si trova nel quinquennio di servizio su posto di sostegno, come nel caso della docente che ha ottenuto il passaggio di ruolo all’infanzia su posto sostegno, potrà concorrere, nella domanda di assegnazione provvisoria, solo per i posti di sostegno.

Ecco come si procede nell’assegnazione provvisoria

– l’assegnazione provvisoria nell’ambito dello stesso grado o classe di concorso o tipo di posto precede quella dei titolari tra gradi o classi di concorso o tipo di posto diversi;

– l’assegnazione provvisoria in scuole del comune di ricongiungimento precede l’assegnazione per scuole di diverso comune anche rispetto alle richieste di classi di concorso o posti di grado diversi da quello di appartenenza;

– le preferenze territoriali espresse nell’apposita sezione del modulo domanda saranno progressivamente esaminate nell’ordine riportato per tutte le tipologie di posto o classe di concorso richiesti diversi da quello di appartenenza, sulla base della graduatoria redatta ai fini del ricongiungimento.

LA NOTA DEL MIUR

IL TESTO DELL’IPOTESI DI CCNI UTILIZZAZIONI E ASSEGNAZIONI PROVVISORIE 

LEGGI ANCHE

Assegnazione provvisoria, domande dal 9 al 20 luglio
Assegnazione provvisoria, ecco quando non si può fare domanda
Assegnazione provvisoria, ecco come si calcola il punteggio
Assegnazione provvisoria, si possono chiedere anche altre classi di concorso [SCARICA PDF DEL CONTRATTO]
Assegnazione provvisoria in una sola provincia, ecco i codici esprimibili
Assegnazione provvisoria, per il sostegno ok ai docenti senza specializzazione