Home Attualità Bianchi da Fabio Fazio: esame di maturità serio e in presenza, no...

Bianchi da Fabio Fazio: esame di maturità serio e in presenza, no tesina raffazzonata

CONDIVIDI
  • GUERINI

Sull’esame di maturità, il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, ospite da Fabio Fazio a Che tempo che fa, interviene sul tema dell’esame di Stato, sia in riferimento all’esame di terza media che a quello delle superiori, chiarendo al conduttore che entrambi gli esami saranno svolti in presenza, come da ordinanze già rese pubbliche dal Ministero dell’Istruzione.

Sulle modalità di svolgimento della prova di maturità il Ministro chiarisce un punto di vista già espresso più volte: “No tesina raffazzonata, la prova di maturità sarà un esame in presenza serio. Lo studente avrà un mese di tempo per scrivere il proprio elaborato, dopodiché, di fronte al consiglio di classe, si discuterà di quel materiale prodotto. La maturità sarà una prova di maturità, una prova seria e rigorosa, questa è la maturità.”

Icotea

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook

Vaccini scuola

Ma non è l’unico argomento discusso in trasmissione. Un tema che non poteva mancare è quello dei vaccini. Il ministro comprende le preoccupazioni del mondo della scuola sul vaccino AstraZeneca, e puntualizza: “I docenti devono potere essere tranquilli e devono potere tranquillizzare gli altri. La vaccinazione sarà il segno della ripartenza della scuola.” Lo afferma a motivare il fatto che le scuole in questo momento, data l’aggressività della variante inglese, non siano in condizione di aprire. Peraltro, il ministro Bianchi commette anche un errore, spiegando a Fabio Fazio che la chiusura delle scuole riguardi solo le classi dalla seconda media in su, inesattezza piuttosto clamorosa, dato che oggi in zona rossa è chiusa persino la scuola dell’infazia.

Roberto Burioni

Un tema, quello della chiusura delle scuole, rispetto al quale interviene anche il virologo Roberto Burioni, con un commento pungente: “Le scuole non si riaprono con le parole, si riaprono con i vaccini.”