Home Attualità Caro D’Avenia anche la lezione frontale ha la sua dignità didattica

Caro D’Avenia anche la lezione frontale ha la sua dignità didattica

CONDIVIDI
webaccademia 2020

In un articolo di Alessandro D’Avenia pubblicato su La Stampa.it si scrive: “Siamo ancorati a un tipo di lezione frontale in cui i ragazzi sono oggetto del nostro sapere da conferenzieri”.


“Tutto il contrario del cosiddetto
apprendimento cooperativo: attività che permettono al docente di essere meno protagonista in classe e più nella preparazione della lezione (obiettivi, strategie, tempi, verifiche chiari e dichiarati: non si fa così sul lavoro?). L’insegnante diventa orientatore e i ragazzi soggetti dinamici e protagonisti dell’apprendimento.  In una cultura dal sapere sempre più reticolare, collaborativo, induttivo, è necessario rinnovare una scuola ancora basata quasi del tutto su processi di apprendimento frontali e generici, individualistici, deduttivi e ripetitivi. Metodi collaborativi liberano dall’angoscia dei grandi numeri, delle scadenze, dell’improvvisazione. Chi li usa lo sa: la classe diventa un insieme di gruppi di scopo, connessi in un tipo di apprendimento attivo e responsabile anche verso gli altri, senza per questo abbassare l’asticella dell’impegno, anzi la si alza”.
Un inno all’insegnamento cooperativo a discapito della classica lezione frontale.
Ma perché tutta questa frenesia al nuovo? Non sarebbe bello riscoprire il piacere di una bella lezione frontale??
Già una lezione frontale dove il docente è l’attore principale; mentre gli allievi sono ascoltatori e fruitori, una lezione in cui l’erogazione di informazioni avviene attraverso:

ICOTEA_19_dentro articolo

la parola del docente

la lettura di un testo

strumenti multimediali (utilizzo LIM) [software dedicato (Geogebra, Cabri, Excel, OpenOffice Calc, Derive …), materiale in dotazione con il software della LIM; materiale preparato e aggiunto ai Contenuti della LIM); audio, video, immagini, risorse web

Dove successivamente alla lezione frontale gli alunni rispondono con:

presentazione delle competenze acquisite attraverso prodotti individuali o di gruppo, ovvero momenti creativi in cui l’allievo può scegliere la modalità di espressione più consona alla sua personalità e ai suoi talenti.

Prodotti multimediali (utilizzo LIM) (mappe, slides, pagine web, fogli di calcolo, documenti, …)

Condivisione (pubblicazione in rete, inserimento in piattaforme, proiezione prodotti finali con LIM)

Forse è chiedere troppo, ma riflettiamo sul fatto che attraverso le “stagionate” lezioni frontali si sono formati scienziati come Fermi, Natta e Rubbia o letterati come Deledda, Carducci e Pirandello.

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese