Home Attualità Classi pollaio e scuole accorpate, la riforma Gelmini nel mirino di Bianchi...

Classi pollaio e scuole accorpate, la riforma Gelmini nel mirino di Bianchi e M5s

CONDIVIDI
  • Credion

“Bisogna ridare dignità al mestiere dell’insegnante”: a dirlo, come abbiamo già scritto, è stato il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, dopo l’incontro dei ministri del governo Draghi incentrato sulla cabina di regia sul Pnrr a Palazzo Chigi. “La componente delle riforme – ha spiegato Bianchi – ha al centro le persone, quindi gli studenti e i docenti”.

Il doppio impegno del ministro

Nell’illustrare gli obiettivi da raggiungere con i fondi del Recovery plan, il ministro dell’Istruzione ha citato il “dimensionamento degli istituti e la numerosità delle classi”.

Icotea

Permettere alle scuole di rimanere in vita anche quando le iscrizioni sono sotto una certa soglia e allestire classi con numeri ridotti di alunni, al massimo 20-22, ancora meno in presenza di allievi disabili, è infatti una doppia condizione da cui non si può prescindere per sganciarsi dai problemi organizzativi e didattici dell’ultimo decennio, conseguenti al Dpr 81 del 20 marzo 2009, “figlio” della Legge 133 Gelmini-Tremonti dell’anno precedente. Una legge che finora nessun Governo aveva mai messo nel mirino.

La conferma dai deputati del M5s

A confermare la volontà di prendere finalmente le distanze da quella realtà, che ha portato a chiudere alcune migliaia di istituti e a creare tante classi pollaio, sono stati anche i deputati grillini in commissione Cultura.

Nel gestire i fondi del Pnrr “molta attenzione – hanno detto i 5 stelle – dovrà essere prestata alla scuola, per risolvere in particolare criticità annose come il sovraffollamento delle classi, e altre emerse più recentemente, come il dimensionamento scolastico, dovute in buona parte alla denatalità”.

“Per il MoVimento 5 Stelle questi sono temi essenziali, su cui sicuramente continuare a lavorare affinché l’occasione storica data dal PNRR di migliorare profondamente il sistema scolastico italiano non vada persa”, hanno sottolineato i deputati pentastellati.

Ci sono i tempi “tecnici”?

L’impegno del numero uno del Palazzo Bianco di Viale Trastevere e del primo partito di Governo non è da poco: anche perché è stato preso pubblicamente.

Premesso che i finanziamenti sono indispensabili, ma non bastano per attuare il piano, resta da capire se questo esecutivo ha i tempi “tecnici” per cambiare anche le norme: occorre, infatti, coinvolgere anche il Parlamento nella revisione degli attuali parametri che portano ogni anno alla formazione di decine di migliaia di classi con oltre 25 alunni (in alcuni casi anche oltre i 30!) e alla scomparsa di istituti a seguito del calo di nascite e quindi di iscrizioni.

Considerando l’impegno prossimo della Legge di Bilancio, che assorbirà non poco i parlamentari, qualora la legislatura dovesse terminare prima non è detto che si possa procedere all’approvazione dei nuovi numeri, sia per la formazione delle classi sia per mantenere le scuole autonome in vita.

iscriviti

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook