Home Attualità Concorsi, riforma Brunetta in Gazzetta Ufficiale: “Prove digitali, selezioni rapide”

Concorsi, riforma Brunetta in Gazzetta Ufficiale: “Prove digitali, selezioni rapide”

CONDIVIDI

La legge di conversione del “decreto Covid” che contiene la riforma dei concorsi pubblici è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale. Niente più carta e penna, ma prove digitali, selezioni rapide e trasparenti secondo il ministro della Pubblica Amministrazione Renato Brunetta che vuole snellire i concorsi e velocizzare il più possibile le assunzioni. “Premiamo il merito, valorizziamo i percorsi formativi e i titoli di studio per le figure di alta specializzazione” ha dichiarato Brunetta.

Finita l’emergenza Covid, i concorsi prevederanno una sola prova scritta e una prova orale. I profili di alta specializzazione prevederanno una valutazione di titoli correlati alle caratteristiche delle posizioni bandite. L’utilizzo di strumenti informatici e digitali rispetterà la normativa sulla tutela della privacy. I criteri di valutazione saranno omogenei e vincolanti per tutte le sottocommissioni. Ci sarà la possibilità di svolgere le prove in sedi decentrate e la videoconferenza per la prova orale. I titoli e un’eventuale esperienza professionale possono concorrere al punteggio finale per un terzo.

Icotea

I concorsi da bandire durante lo stato d’emergenza, ovvero fino al 31 luglio 2021, prevedono solo una prova scritta (orale solo eventuale) mentre per i corsi già banditi durante lo stato di emergenza, la modalità prevede una prova digitale con una serie di linee guida tra cui durata massima di 1 ora della prova in presenza, tampone nelle 48 ore precedenti per candidati e personale, utilizzo di sedi decentrate, obbligo di mascherina ffp2 fornita dall’organizzazione e percorsi differenziati per ingressi e uscite.

Da inizio maggio sono ripartite, o ripartiranno a breve, le selezioni per assumere con modalità semplificate, 6303 unità complessive, in vari settori, tra cui ministeri del Lavoro, della Giustizia, dell’Economia e della Cultura.

A breve si aggiungerà anche il “decreto reclutamento”. “Introdurremo procedure straordinarie per selezionare le figure professionali necessarie all’attuazione celere del Pnrr” ha affermato il ministro Brunetta.

iscriviti

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook