Home Attualità Concorso ordinario scuola secondaria, slitta tutto a febbraio

Concorso ordinario scuola secondaria, slitta tutto a febbraio

CONDIVIDI
  • Credion

L’aggravarsi della situazione sanitaria e l’aumento ormai fuori controllo dei contagi sta mettendo a rischio il regolare funzionamento dell’intero sistema scolastico.
Quello della prosecuzione della didattica in presenza è solo uno dei problemi da affrontare.
C’è anche la questione dei concorsi.
Fino a pochi giorni fa l’avvio delle procedure ordinarie per la scuola secondaria era dato per imminente, ma poi forse quando al Ministero hanno esaminato nel dettaglio tutte le implicazioni si sono resi conto che la situazione non è affatto semplice.
Per la verità è già da diversi giorni che, sulla questione, il senatore della Lega Mario Pittoni sta mettendo i puntini sulle i.
Solo poche ore fa Pittoni ha sottolineato che “c’è apprensione tra i docenti precari della scuola secondaria per voci sulla possibile attivazione, nel momento meno opportuno, del concorso che li riguarda”.
“Ma – aggiunge il senatore – se pure venisse pubblicato a breve il decreto che aggiorna il bando per l’ordinario della secondaria, non sarebbe accompagnato da date per l’espletamento. Non ci sono infatti le condizioni sanitarie. Come non ci sono le condizioni pratiche: 430 mila iscritti (per neanche 30 mila posti) sono troppi per l’attuale struttura ministeriale”.

A Mario Pittoni, la vicenda serve però anche per rilanciare la sua idea: “Visto che buona parte dei docenti vuol partecipare per mancanza di altre possibilità per provare ad abilitarsi, prima del via libera al concorso vanno riattivati i Percorsi formativi abilitanti (PAS), così da alleggerirlo”.

Intanto una conferma arriva anche da qualche fonte sindacale da cui apprendiamo che il nuovo bando potrebbe arrivare, nella migliore delle ipotesi, a fine gennaio; ma molto più probabilmente se ne parlerà verso la metà di febbraio.

Icotea