Home Archivio storico 1998-2013 Estero Cooperazione dei Paesi industrializzati nel settore dell’Istruzione superiore e della Formazione professionale

Cooperazione dei Paesi industrializzati nel settore dell’Istruzione superiore e della Formazione professionale

CONDIVIDI
webaccademia 2020


Successivamente, nel 1995, venne formalizzata attraverso la firma di un accordo della durata di 5 anni tra l’Unione europea e gli Stati Uniti ed il Canada. Nel 2000, alla scadenza di questa prima fase L’Ue decise di prorogare di ulteriori 5 anni questa cooperazione e di estenderla ad ulteriori 3 Paesi. Attualmente (2004) l’Unione europea promuove progetti di cooperazione nel settore dell’istruzione superiore e della formazione professionale con 5 Paesi (Stati Uniti, Canada, Giappone, Australia e Nuova Zelanda) e sta già lavorando alla ri-negoziazione al fine di assicurare un futuro a queste iniziative.

Con ognuno di questi Paesi è stato avviato un dialogo permanente ed una forte collaborazione per la progettazione comune e l’attuazione di attività di cooperazione in questo settore che dureranno oltre l’attuale scadenza del 2005.

I programmi congiunti mirano a:


1) favorire una più stretta comprensione reciproca fra i popoli della Comunità europea e dei Paesi industrializzati;

2) migliorare la qualità della preparazione delle risorse umane, favorendo, tra l’altro,l’acquisizione delle conoscenze necessarie per rispondere alle sfide di un’economia globale basata sulle conoscenze;

3) incoraggiare una serie innovativa e sostenibile di attività di cooperazione tra le diverse regioni nel campo dell’istruzione superiore e della formazione, al servizio degli studenti e con un impatto duraturo;

4) migliorare la qualità della mobilità studentesca promuovendo la trasparenza, il riconoscimento reciproco delle qualifiche e dei periodi di studio e formazione, nonché, ove necessario, la trasferibilità dei crediti accademici;

5) favorire lo scambio delle competenze acquisite nel campo dell’e-learning e dell’apprendimento a distanza, nonché il loro uso efficace da parte dei consorzi chiamati a realizzare i progetti, in modo da ampliare l’impatto dei programmi

6) promuovere o rafforzare le partnership tra istituti d’istruzione superiore e i formazione, associazioni professionali, autorità pubbliche, associazioni private o di altra natura della Comunità europea e dei Paesi industrializzati.

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese