Home Attualità Decreto Ristori: le misure per la scuola

Decreto Ristori: le misure per la scuola

CONDIVIDI
  • Credion

La Camera dei deputati ha dato il via libera al Decreto Ristori che la prossima sarà esaminato dal Senato per l’approvazione definitiva.

Per quanto riguarda la scuola sono previsti 85 milioni di euro per l’innovazione digitale e la didattica laboratoriale.
Il Ministero spiega che si tratta di fondi destinati all’acquisto di dispositivi e strumenti digitali individuali per la didattica digitale integrata (DDI), nonché per l’utilizzo delle piattaforme digitali per l’apprendimento a distanza e per la necessaria connettività di rete.
In realtà questi fondi sono già stati assegnati alle scuole in quanto erano previsti nel testo originario del decreto approvato dal Governo a fine ottobre. Secondo i dati del Ministero la somma serve ad acquistare oltre 200mila dispositivi digitali e più di 100mila connessioni.

Icotea

Recupero degli apprendimenti

Con un emendamento a firma della senatrice 5S Bianca Granato è stato inserito anche un fondo da 5.532.195 euro per attività didattiche extracurricolari finalizzate al recupero di gap formativi.
Le risorse saranno distribuite tra le scuole del primo ciclo (primarie e secondarie di primo grado) con un maggiore svantaggio nei livelli di apprendimento.

Congedi per i genitori e fondi per il traporto scolastico

Ma ci sono anche altre due misure che riguardano le famiglie.
Il provvedimento riconosce infatti ai genitori lavoratori dipendenti (sia pubblici che privati) il diritto al lavoro in modalità agile o ad un congedo straordinario per il periodo in cui i figli – minori di 16 anni – siano interessati da un provvedimento di sospensione dell’attività didattica in presenza, oltre che per tutto il periodo (o parte del periodo) corrispondente alla durata della quarantena.
Viene poi rifinanziato il fondo per le aziende di trasporto pubblico locale con 390 milioni per l’anno 2021, dei quali una quota fino a 190 milioni sarà usata per il finanziamento di servizi aggiuntivi di trasporto pubblico locale e regionale, destinato anche alla mobilità scolastica degli studenti e delle studentesse.