Home Ordinamento scolastico Dichiarazione dei redditi, detrazioni spese scolastiche e di istruzione

Dichiarazione dei redditi, detrazioni spese scolastiche e di istruzione

CONDIVIDI
  • GUERINI

Si possono avere detrazioni fiscali per le spese sostenute nel 2013 per corsi di istruzione secondaria di primo e secondo grado, per i corsi universitari, master e specializzazione per l’istruzione dello stesso contribuente o dei parenti a carico. Ci sono inoltre, spiega news.supermoney.ue, le detrazioni spese scolastiche per l’asilo nido e per il canone di locazione per gli studenti fuori sede, spese per la partecipazione alle prove di accesso ai corsi universitari a numero chiuso con test di verifica della preparazione, ma non ce ne sono per acquisto di materiale scolastico quali libri, computer ecc…, per il trasporto, il vitto e l’alloggio, le lezioni private, i viaggi-studio all’estero. 
Si possono avere detrazioni fiscali sia per le spese sostenute per scuole pubbliche che private, solo che per le seconde l’importo non può essere superiore a quello che si sarebbe speso per un corso pubblico. 
Per le università: si può detrarre al massimo la parte di tassa di iscrizione uguale a quella della più vicina facoltà pubblica dello stesso corso di laurea o equivalente). Sono detrazioni Irpef al 19% della spesa totale: se per parenti a carico, ad esempio i figli, spettano al genitore a cui è intestato il documento che certifica la spesa, se intestato al figlio allora si possono dividere al 50% tra i due genitori (se il documento riporta le percentuali di ripartizione, allora anche diversamente dal 50%). Nel caso che uno dei due coniugi sia fiscalmente a carico dell’altro, quest’ultimo può considerare l’intero ammontare della spesa. 
Nel Modello 730 le detrazioni spese scolastiche e di istruzione si segnano nel quadro E, sez. I, rigo E13, invece nel Modello Unico nel quadro RP, sez. II, rigo RP13.