Home Sicurezza ed edilizia scolastica Differenze in Europa sugli aspetti infrastrutturali della “tecnologia” nella scuola

Differenze in Europa sugli aspetti infrastrutturali della “tecnologia” nella scuola

CONDIVIDI

Il nuovo rapporto della Commissione Europea “Education and Training Monitor 2013” mostra uno scenario variegato, dove le differenze tra i paesi europei sugli aspetti infrastrutturali della “tecnologia” e sulle prassi di approvvigionamento di contenuti e device (computer, internet, software), sono ancora molto marcate:

 

a livello di scuola secondaria inferiore, l’ICT è presente come disciplina curricolare in quasi tutti i Paesi europei con l’unica eccezione di Italia e Portogallo; a fare da apripista è stata la Germania, alla fine degli anni ’70, mentre le comunità di lingua tedesca del Belgio, la Bulgaria e la Romania lo hanno fatto solo recentemente;

Icotea

• nelle scuole secondarie inferiori, le competenze digitali costituiscono sia oggetto di una disciplina autonoma (“separate subject”) che strumento a supporto dello studio di altre discipline, anche se in alcuni paesi sono viste soltanto in una delle due forme;

• anche nelle scuole secondarie superiori l’informatica curriculare è ampiamente diffusa, con la sola eccezione di Italia, Olanda e Comunità fiamminga del Belgio.

In particolare le scuole italiane connesse ad internet oggi sono l’82% pari a 18.489 istituti, con una percentuale di aule in rete del 54,2% (155.105).
Qualsiasi iniziativa progettuale di innovazione tecnologica deve partire dai 4.200 plessi non connessi (18,5%) e dalle 130.000 aule non cablate (45,8%), cercando di definire una mappa delle sedi su cui è necessario intervenire per cercare di raggiungere alcuni grandi obiettivi entro dicembre 2015:

 

• ogni ambiente scolastico (aula, laboratorio, biblioteca, sala docenti, segreteria, presidenza etc.) connesso alla LAN della sede (via cavo o Wi-Fi);

• ogni scuola connessa alla Rete;

• ampiezza di banda adeguata a coprire le diverse esigenze della sede (sia didattiche sia amministrative);

• definizione delle necessarie policy di sicurezza.