Dop, strategie di intervento in classe

CONDIVIDI

Cosa si intende per Dop? Dop è l’acronimo che sta per Disturbo Oppositivo Provocatorio. Quali sono i comportamenti oppositivi e come gestirli in classe?

Il Dop comporta, da parte dell’alunno, atteggiamenti conflittuali e rifiuto di adeguarsi alle normali regole condivise dalla classe. Il rifiuto di fare i compiti o di seguire la lezione sono ulteriori segnali di una condizione di disagio, alla quale il docente non dovrebbe reagire con autorità, ma con ascolto e comprensione; con pazienza; con critiche costruttive; con la promozione delle capacità e dei talenti dell’alunno; con attività di gruppo volte a favorire la cooperazione.

Icotea

Il corso

Su questi argomenti il corso Dop, strategie di intervento in classe, a cura di Marco Catania, in programma dal 29 ottobre. Il webinar ha l’obiettivo di far acquisire al docente tecniche, strategie e modalità pratiche di intervento in classe in presenza di uno o più alunni con Disturbo Oppositivo Provocatorio o con comportamenti oppositivi.

Punti tematici

  • Problematiche primarie e problematiche secondarie: distinguerle per migliorare l’intervento.
  • DOP: strumenti d’intervento dalla primaria alla secondaria di secondo grado.
  • Comportamenti oppositivi: strumenti d’intervento dalla primaria alla secondaria di secondo grado.
  • Prevenire comportamenti oppositivi.
  • Intervenire davanti a comportamenti oppositivi.
  • Tecniche e modalità d’intervento per incrementare la motivazione.
  • Strategie didattiche finalizzate al coinvolgimento degli alunni.
  • Strategie d’intervento in classe volte allo sviluppo di una didattica inclusiva.
  • Il vissuto emotivo nei DOP. Conoscerlo per trasformarlo in un vantaggio.