Home Attualità Elena Centemero: “Non sono iscritta a nessun partito politico e non alla...

Elena Centemero: “Non sono iscritta a nessun partito politico e non alla Lega”

CONDIVIDI
  • Credion

In merito all’articolo con cui avevamo dato notizia delle nuove nomine all’interno del CSPI, riceviamo questa nota di Elena Centemero che riportiamo integralmente: “Sono Elena Centemero non sono iscritta a nessun partito politico e non alla Lega. Vorrei la rettifica di quanto scritto sul vostro articolo. Ho invece un cugino deputato della Lega. Vi chiedo di rettificare al più presto”. 

Prendiamo atto della precisazione della professoressa Centemero, ma ci corre l’obbligo di chiarire che in rete sono numerosi i riferimenti alla sua posizione politica.
Intanto c’è la pagina di Wikipedia a lei dedicata dove si legge

“Nelle Elezioni Politiche 2013, Elena Centemero è stata nuovamente candidata alla Camera dei Deputati nella Circoscrizione Elettorale Lombardia 1 al numero 3, venendo rieletta per la XVII legislatura. Il 16 novembre 2013, con la sospensione delle attività del Popolo della Libertà, aderisce a Forza Italia.
Nel gennaio 2017 il Sindaco del Comune di Limbiate, in provincia di Monza e della Brianza, la nomina Assessore alla cultura e alle pari opportunità. Nel novembre del 2019 si è iscritta alla sezione di Monza della Lega Nord, abbandonando quindi il partito di Silvio Berlusconi per entrare a far parte di quello di Matteo Salvini”.

Icotea

Ma, soprattutto, è disponibile in rete una interessante intervista in video pubblicata nel sito di Radio Radicale, intervista del 2 novembre scorso in cui viene presentata con le parole: “Siamo in collegamento con Elena Centemero che come sapete è stata parlamentare fino alla scorsa legislatura …. è stata membro nella scorsa legislatura della Commissione affari costituzionali e della commissione Cultura nel gruppo parlamentare di Forza Italia; oggi è nella Lega Nord ed assessore alla cultura all’istruzione del Comune di Limbiate”.

La pagina Wikipedia di Elena Centemero risulta essere stata aggiornata alle ore 15.47 del 9 gennaio 2020, e cioè poco meno di mezz’ora dopo la pubblicazione di questa nota. Ne prendiamo atto e con questo consideriamo chiusa la vicenda.