Home Didattica Fare didattica della matematica con i software informatici

Fare didattica della matematica con i software informatici

CONDIVIDI

Quella che segue è una proposta didattica funzionale alla scuola secondaria di I grado, per introdurre in classe i concetti di figure equivalenti ed isoperimetriche attraverso esperienze concrete legate all’uso di software informatici come Cabrì Geometre o Geogebra(Vai al corso)

Nel corso dell’appuntamento formativo si partirà dalle esperienze e dalle lezioni di Emma Castelnuovo. Una delle cose più sorprendenti e, nello stesso tempo innovative, del metodo Castelnuovo è lo stimolo ad osservare e a guardarsi intorno. In diversi suoi lavori, questo stimolo è particolarmente evidente nella descrizione dell’argomento “area e perimetro”.

Icotea

Perché usare i software di matematica per affrontare l’argomento? Perché i software di matematica dinamica sono progettati per gli studenti e per i docenti con interfacce abbastanza semplici, all’interno delle quali ogni studente può esplorare la matematica in modo attivo e interattivo.

Infatti è possibile partire da una figura geometrica o anche da un’equazione sullo schermo per ottenere un oggetto da manipolare. Inoltre gli studenti non si limitano a riconoscere forme geometriche già strutturate bensì hanno a disposizione tutti gli enti geometrici per costruire nuove figure e proprio come avveniva nei materiali dinamici della Castelnuovo, possono anche procedere con delle trasformazioni di queste figure mantenendo alcuni vertici fissi e uno mobile così da cogliere le proprietà, le analogie e le differenze tra i poligoni che vengono studiati nelle scuole.

Le nuove tecnologie si inseriscono a pieno titolo nel filone costruttivistico, in cui i ragazzi sono gli attori principali del processo di apprendimento e procedono a una costruzione personale e attiva del proprio sapere a partire dai propri interessi e dalle proprie motivazioni.

Il corso

Su questi argomenti il corso Perimetro e Area, figure equivalenti e isoperimetriche, a cura di Marco D’Errico, in programma dal 19 aprile.