Home Didattica Franceschini: “Un contributo all’educazione alla lettura”

Franceschini: “Un contributo all’educazione alla lettura”

CONDIVIDI
  • Credion

Il Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Dario Franceschini, ha lanciato la terza edizione del Premio Scriviamoci, promosso dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, dal Centro per il libro e la lettura, dalla Fondazione Maria e Goffredo Bellonci e da Toyota Motor Italia, chiedendo agli studenti delle scuole superiori di tutta Italia e di quelle italiane all’estero di scrivere un racconto incentrato sul rapporto tra uomo, macchina e ambiente.

 “Il Premio Scriviamoci, giunto alla terza edizione, è un grande contributo all’opera di educazione alla lettura. Le centinaia di ragazzi e ragazze delle scuole che hanno partecipato lo scorso anno si sono confrontati con la scrittura altrui per esprimere la propria creatività, arrivando così a leggere con maggiore curiosità e consapevolezza. Inoltre Scriviamoci aiuta a lavorare sullo sviluppo della conoscenza, allargando la platea dei giovani che si avvicinano alla creatività. In più, questa iniziativa insegna a dare valore al tempo lento e esclusivo dedicato alla lettura e alla scrittura”: così il ministro Franceschini.

Icotea

 

{loadposition carta-docente}

 

Presente all’evento anche  la giovanissima scrittrice Cristina Chiperi, 18 anni.

Ciascun alunno potrà partecipare, riporta Il Velino.it, con un solo testo narrativo (di lunghezza tra le 5.400 e le 9.000 battute spazi inclusi), inedito e in lingua italiana. L’insegnante responsabile della partecipazione al concorso (massimo cinque studenti per ogni scuola) dovrà inviare gli elaborati all’indirizzo [email protected] entro e non oltre la mezzanotte del 31 marzo 2017.

Novità di quest’anno, i partecipanti si cimenteranno anche nel ruolo di giudici: ogni concorrente sarà infatti chiamato a leggere e valutare quattro testi in concorso, assegnati con un criterio di casualità, ai quali darà un voto compreso tra 1 e 5, corredato da un commento di lunghezza non inferiore a 250 battute, spazi inclusi (voti e commenti dovranno essere inviati direttamente dai concorrenti all’email del premio entro e non oltre il 14 aprile 2017).

Saranno così gli stessi studenti in gara a selezionare i testi che accederanno alla seconda fase di valutazione, nella quale una commissione di esperti sceglierà i quindici racconti destinati alla pubblicazione in volume. Verranno inoltre scelti i tre racconti migliori i cui autori si aggiudicheranno rispettivamente: un premio messo in palio da Toyota Motor Italia (primo classificato); la partecipazione per due persone a un importante festival letterario italiano (secondo classificato); uno stage di due giorni a cura della scuola di scrittura Molly Bloom di Roma (primo, secondo e terzo classificato).

La premiazione avverrà in un luogo e in un appuntamento simbolo della cultura letteraria italiana: a Roma, a luglio, nell’ambito della serata conclusiva della LXXI edizione del Premio Strega.

Durante la scorsa edizione del Premio Scriviamoci, che chiese ai giovani di sviluppare il tema “20 anni nel 2020”, furono coinvolti i ragazzi di 268 scuole, delle quali 165 licei, 57 istituti di istruzione superiore, 35 istituti tecnici e 11 scuole italiane all’estero.

Sono pervenuti 750 racconti, in netta maggioranza scritti da giovani autrici (500, contro i 230 inviati da colleghi maschi). Tra le scuole partecipanti, hanno prevalso quelle dislocate nel Lazio e nell’Italia del Sud: Lazio, 55; Campania, 28; Calabria, 26; Sicilia, 23; Umbria, 19; Puglia, 17; Lombardia, 14; Emilia, 14; Marche, 13; Veneto, 11; Piemonte, 8; Sardegna, 6; Abruzzo, 5; Basilicata, 5; Toscana, 4; Friuli, 3; Liguria, 3; Molise, 2; Trentino, 1.