Home Estero Fuori Darwin e dentro la jihad. La Turchia cambia la scuola

Fuori Darwin e dentro la jihad. La Turchia cambia la scuola

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Nei programmi scolastici voluti  dal presidente turco Recep Tayyip Erdogan esce  Darwin e entra la jihad: un campanello d’allarme per la più grande minoranza religiosa in Turchia, gli aleviti, che rappresentano circa il 20% della popolazione di 80 milioni di abitanti.

“La jihad è un elemento importante della nostra religione – spiega il ministro dell’Istruzione Ismet Yilmaz -. Il vero significato della jihad è amare il proprio Paese e assicurare la pace”.

Non del tutto in linea il Governo: “La jihad è il principale elemento dell’Islam: è del tutto inutile insegnare matematica a un bambino che non conosce la jihad”, mentre critico è il gruppo religioso dell’Islam sciita: “Insegnare la jihad come forma di culto o funzione religiosa nelle scuole è in linea con la dottrina dello Stato islamico ed è molto pericoloso”. Il timore è che gli insegnanti non siano preparati sull’argomento e che non possano spiegare un concetto, come quello di jihad, molto complesso e oggetto di dibattiti dottrinali ancora in corso.

ICOTEA_19_dentro articolo

 

{loadposition carta-docente}

 

Gli aleviti sono già contrari al fatto che ai giovani venga impartita la dottrina sunnita. A loro dire nei testi scolastici ci sarebbero molte imprecisioni rispetto alla loro religione, che vanno ad aggiungersi a un’immagine già distorta nell’immaginario turco.

Preparazione concorso ordinario inglese