Home Generale Garante: assistiamo gli alunni terremotati

Garante: assistiamo gli alunni terremotati

CONDIVIDI

Jacopo Marzetti, Garante dell’infanzia e dell’adolescenza della Regione Lazio, in una nota ha dichiarato: “Non abbiamo parole per esprimere il dolore e la nostra vicinanza alle famiglie e a tutta la popolazione vittima del sisma che ha colpito il centro Italia. Immagini che hanno toccato le nostre coscienze e la sensibilità di tutti. Adesso bisogna fare il possibile per cercare di ripartire, e per questo non posso che esprimere il mio assoluto ringraziamento per il grande lavoro effettuato, sin dalle prime ore di ieri, da parte dei soccorritori e dei tantissimi volontari. Una tragedia che, purtroppo, ha riguardato molti minori”.

{loadposition corso-cooperative-learning}

Icotea

 

“Ora, tra le tante priorità esistenti, c’è sicuramente l’aiuto a tutti i minori che sono stati coinvolti in questo trauma, aiutarli nella ripresa e nel sostegno per vivere e condividere i dolori, ma anche la speranza di un futuro. Con l’inizio della scuola, con l’aiuto del corpo docente e degli specialisti sarà possibile attivare un progetto che raggiunga questi obiettivi. Perciò, voglio rivolgere un appello a tutte le istituzioni competenti in materia, in primis alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, al Miur e alla regione Lazio, affinchè si lavori per garantire il normale avvio dell’anno scolastico, mettendo in campo tutti gli strumenti necessari per assicurare assistenza da ogni punto di vista, soprattutto di tipo psicologica, agli alunni. Si tratta di un sostegno fondamentale sia per i ragazzi che per le loro famiglie, in particolar modo in questa prima fase”. “Nell’ambito del mio ruolo e nel rispetto delle mie competenze, sono disponibile a fornire un contributo fattivo e concreto in tal senso – conclude Marzetti -. Naturalmente, tutte le associazioni competenti possono dare il proprio apporto con le loro proposte, idee e con la loro esperienza. Dobbiamo stare vicino ai giovani, alle loro famiglie e a tutta la popolazione della provincia di Rieti, dopo questo immane dramma”.