Home Didattica Giannini: serve una nuova scuola umanistica

Giannini: serve una nuova scuola umanistica

CONDIVIDI

La notizia la riporta Il Messaggero Veneto che illustra l’intervento della ministra Giannini, giunta appena da Roma,  subito ripiegato sull’elezione del nuovo presidente della Repubblica Sergio Mattarella: “Sono certa che Mattarella, grande costituzionalista e giurista raffinato, dedicherà molta attenzione al nostro settore, quello della cultura”.

 

{loadposition eb-territorio}

 

Icotea

 E poi, dopo avere sottolineato la differenza tra i modelli angloamericano ed europeo dell’educazione scolastica, basato il primo piú sulle capacità (skill based) e il secondo sulle conoscenze (knowledge based), Giannini ha confermato la validità del sistema scolastico italiano basato su tre caratteristiche: “La prima è la convinzione che il sapere è unico (stesso peso di scientifico e umanistico); la seconda è il partire da una formazione teorica per arrivare all’applicazione pratica; la terza è un sapere che parte da una formazione generalista per arrivare sul sapere specialistico. Questo modello è valido e non si deve cambiare, semmai va integrato con gli stimoli che abbiamo raccolto in questi mesi fin dalla più tenera età: l’educazione alla lingua straniera e l’educazione alla cittadinanza.”

D’accordo, scrive Il Messaggero Veneto, la Nussbaum: ”Tutti gli studenti dovrebbero aver accesso alle materie umanistiche e il ruolo della danza, del teatro e della musica in quanto esperienze gioiose, accanto allo studio dell’economia e della logica, è di fondamentale importanza. A Chicago lavoro con dei bambini che per l’80% provengono da famiglie sotto la soglia di povertà e cantano insieme in un coro. L’esperienza di condividere il proprio fiato con gente cosí diversa è grande strumento per superare stereotipi ignoranti e differenze di ceto sociale. Rimane ancora troppa paura nel mondo per ciò che è diverso e straniero, ma dobbiamo superarlo. A esempio quella grande fucina creativa che è Hollywood è riuscita a superare gli stereotipi sui gay, ma purtroppo non ancora quelli razziali”.