Home Generale Giorgio Parisi riceve il Wolf Prize per la Fisica 2021

Giorgio Parisi riceve il Wolf Prize per la Fisica 2021

CONDIVIDI

Il fisico teorico Giorgio Parisi, attuale presidente dell’Accademia Nazionale dei Lincei, ricercatore dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e professore alla Sapienza Università di Roma, è stato insignito del prestigioso Wolf Prize per la Fisica 2021.

Il premio è stato conferito presso la Sala del Senato della Sapienza, “per le sue scoperte pionieristiche nella teoria quantistica dei campi, in meccanica statistica e nei sistemi complessi”.

Icotea

Il premio Wolf è un riconoscimento attribuito annualmente dalla Fondazione Wolf a personalità distintesi per il proprio contributo all’avanzamento dell’umanità nelle arti e nelle scienze. 

Hanno portato i loro saluti istituzionali l’Ambasciatore di Israele in Italia, Dror Eydar, e lo scienziato israeliano Dan Shechtman, Premio Wolf per la Fisica 1999 e Premio Nobel per le Chimica 2011. 

Durante la cerimonia, la Rettrice della Sapienza, Antonella Polimeni, ha consegnato la medaglia al professor Giorgio Parisi che ha detto: “Sono felice di questo riconoscimento e onorato di aver riportato il Premio in Italia dopo tanti anni. Newton diceva ‘se ho potuto vedere così lontano, è perché mi sono arrampicato sulle spalle di giganti’. È vero, ma conta anche l’ambiente culturale nel quale ci si forma e per questo sono estremamente grato ad Edoardo Amaldi e a tutti gli altri grandi scienziati che hanno ricostruito dopo la Seconda Guerra Mondiale la grande scuola di fisica italiana e in particolare romana. Nicola Cabibbo, che è stato il mio maestro ed aveva un entusiasmo contagioso per la fisica, ha avuto un ruolo essenziale nella mia formazione come scienziato per tantissimi aspetti.” “La scienza moderna – ha detto ancora Parisi – è un gioco di squadra, contano non solo i collaboratori, ma anche gli amici a cui racconti quello che stai facendo e con le loro domande e osservazioni ti indirizzano nella direzione giusta. Io sono stato fortunato: nella mia lunga carriera ho avuto tantissimi collaboratori; tre anni fa erano 317 e vorrei in questo momento poterli menzionarli tutti per ringraziarli”. 

Il Comitato per la Fisica del Premio ha inoltre specificato: “L’Umanità e il mondo intero hanno vinto le sue rivoluzionarie scoperte. Lo stare qui riuniti oggi, insieme, anche se in formato ristretto, non è affatto scontato. E questa è un’ulteriore conferma dell’importanza della scienza e della ricerca scientifica!”