Home Attualità Giornata della memoria delle vittime di mafia. Il 21 marzo il ricordo...

Giornata della memoria delle vittime di mafia. Il 21 marzo il ricordo di Libera in tante piazze

CONDIVIDI

Lunedì 21 marzo si celebra la Giornata della Memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. Un appuntamento che quest’anno assume un valore ancora più importante, a trent’anni dall’uccisione di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino insieme alle loro scorte. Tante le iniziative nel corso di questi 27 anni in cui si è svolta la Giornata, grazie anche al contributo di associazioni, scuole, realtà sociali e di Libera che con grande impegno ha portato avanti le tante iniziative.

Memoria, educazione, formazione scolastica e tanti beni confiscati nel corso di questi anni. La strada fatta è stata tanta e il 21 marzo rappresenta un giorno di riflessione, approfondimento e incontro insieme ai familiari delle vittime innocenti delle mafie.

Icotea

La manifestazione del 2022 si svolgerà a Napoli che sarà la piazza principale ma che vedrà collegate in contemporanea centinaia di piazze in Italia e nel mondo. Un grande coinvolgimento nazionale e internazionale per dire no alle mafie e alla corruzione.

Lo slogan di quest’anno è “Terra mia. Coltura/Cultura”. Uno slogan che vuole unire due dimensioni di impegno, oggi fondamentali, dalle quali ripartire. Terra mia: per prendersi cura della nostra comunità locale e reinterpretare il nostro essere cittadini globale a partire dall’attenzione al contesto nel quale viviamo, alla nostra quotidianità. Coltura/Cultura. La coltura nella terra, la cultura nelle coscienze. Due parole che si differenziano solo per una vocale, che ci restituiscono la necessità di un lavoro che prosegue in parallelo e tiene insieme l’impegno per il nutrimento della Terra con l’impegno per il nutrimento delle coscienze.

Anche la città di Catania si prepara a celebrare la giornata. La manifestazione di Libera si terrà nel cortile del liceo Spedalieri. Alla presenza di importanti ospiti come il giornalista e scrittore Salvo Palazzolo, Beppe Montana, il presidente del tribunale dei minori Roberto Di Bella e tanti altri, verranno letti tutti i nomi delle vittime innocenti di mafia e verrà ricordato il valore del sacrificio dei giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.