Home Attualità Giornata internazionale della donna, Italia 63esima nella classifica del gender gap, fa...

Giornata internazionale della donna, Italia 63esima nella classifica del gender gap, fa meglio persino il Perù

CONDIVIDI

Il Global Gender Gap Index 2021 stilato dal World economic forum vede l’Italia al 63esimo posto, dopo la Bolivia e il Perù (posti 61 e 62), e molto oltre il Rwanda (al 7° posto per ragioni legate al genocidio, in seguito al quale, la carenza di uomini ha spinto la politica a emanare una legislazione favorevole all’ingresso delle donne in tutti i settori) e il Burundi (26). Non male fanno Germania (11), Spagna (14) e Francia (16), che si posizionano meglio di USA (30), Messico e Argentina (34 e 35) o Croazia ed Estonia (45 e 46).

Le prime 5 nazioni – e queste sì, ce le aspettavamo – in ordine dal primo posto al quinto, Islanda, Finlandia, Norvegia, Nuova Zelanda e Svezia. Una top five che non stupisce, insomma.

Icotea

A fare peggio dell’Italia, se questo può consolarci, Ucraina e Polonia (74 e 75), la Federazione Russa (81) e ultimi, dei 156 Paesi del mondo presi in considerazione, protagonisti di una top 5 al contrario, sono Siria, Pakistan, Iraq, Yemen e la pessima Afghanistan.

Quali parametri?

Il Global Gender Gap Index è stato introdotto per la prima volta dal World Economic Forum nel 2006 e confronta i progressi verso la parità di genere secondo quattro parametri:

  1. opportunità economiche,
  2. istruzione,
  3. salute,
  4. leadership politica.

La diretta della Tecnica della Scuola

Oggi 8 marzo, alle ore 17, in occasione della giornata internazionale della donna, nel consueto appuntamento della Tecnica della Scuola Live parliamo di parità di genere a partire dall’educazione nelle scuole. Ospiti: Cinzia Leone, senatrice del Movimento 5 Stelle e vice presidente della commissione sul femminicidio; Valentina Petri, insegnante e blogger, autrice del volume Portami il diarioGraziella Priulla, saggista e sociologa, da anni impegnata sul fronte delle questioni di genere.