Home Archivio storico 1998-2013 Generico Gli studenti alle prese con l’Euro

Gli studenti alle prese con l’Euro

CONDIVIDI
  • Credion

"Facciamo i conti con l’euro" è il titolo di un elegante volumetto curato dalla Unione Matematica Italiana che il Ministero della Pubblica Istruzione ha dato alle stampe e che sta inviando in questi giorni a tutte le scuole italiane.
Il sottotitolo ("La nuova moneta europea e i numeri decimali a scuola") è significativo e sta ad indicare un interessante problema didattico che l’introduzione della moneta europea porrà agli insegnanti della scuola di base.
Il passaggio dalla lira italiana all’eu-ro porterà infatti tutti noi ad usare numeri decimali nella pratica quotidiana.
È quindi necessario abituare gli studenti, fin dall’inizio dell’educazione matematica, ad un uso consapevole e disinvolto dei centesimi nell’ambito delle monete.
Il        materiale contenuto nel libro può essere usato sia singolarmen-te dai docenti, sia per organizzare attività di programmazione e di studio comune all’interno di Istituti scolastici o di gruppi di lavoro.
Il progetto si articola in due parti: la prima offre all’insegnante approfondimenti storici e teorici, mentre la seconda riguarda esplicita-mente temi affrontati nella didattica in classe.
Nella seconda parte del libro sono dunque riportati numerosi esempi di attività ed esercizi, di discussioni di errori e di situazioni didattiche, con lo scopo di offrire spunti concreti ai docenti quando intendono parlare dei numeri decimali e dell’euro, sia da un punto di visti matematico sia in un contesto pratico.
Il materiale non è il risultato di una semplice analisi teorica dell’argomento ma è già stato utilizzato e sperimentato in più di 10 scuole elementari di diverse province italiane (Torino, Lodi, Firenze e Napoli).
Il volume è insomma il risultato di un lavoro svolto in stretta collaborazione fra l’Università (Pavia e Roma), l’Amministrazione scolastica (Direzione generale dell’istruzione elementare) e la scuola "militante".
Il coordinamento generale e l’editing sono stati curati dalla direzione didattica di Codogno (Lodi).