Home I lettori ci scrivono Gps e maxi sanatorie. Un lettore: sos Licei Musicali, abilitazioni regalate

Gps e maxi sanatorie. Un lettore: sos Licei Musicali, abilitazioni regalate

CONDIVIDI
  • Credion

Gentili, sono un insegnante di tecnologie musicali e contrabbasso del liceo musicale molto amareggiato per  quanto sta succedendo in questo momento, ovvero l’aggiornamento e inserimento nelle liste aggiuntive delle graduatorie GPS 2021-22, di docenti idonei al concorso nelle classi di concorso A030 educazione musicale nelle scuole medie o A056 strumento musicale nelle scuole medie, i quali hanno avuto la possibilità di aggiornare la loro posizione in I fascia (dedicata agli abilitati)  non solo nella specifica materia per la quale hanno superato il concorso ma anche –ed è quello che mi amareggia- nelle I fasce delle classi di concorso specifiche degli insegnamenti dei Licei Musicali:  

  • A055: strumento nelle scuole superiori (Strumento nei Licei Musicali) 
  • A063 Tecnologie Musicali
  • A053 Storia della musica
  • A064 Teoria analisi e composizione

Ciò è stato fatto in netta contrapposizione con la fine dell’utilizzo della fase transitoria per l’utilizzo delle classi di concorso “affini” nei licei musicali, come A029-A030 e A056, con l’anno 2018-19, con la sola eccezione per il rinnovo delle graduatorie del 2020-21 e la costituzione dei nuovi elenchi in GPS 2020-21 e 2021-22 per l’inserimento in II fascia – Allegato E compreso.

A questo punto con questo aggiornamento fatto in fretta e furia in piena estate, un docente si ritrova scavalcato addirittura di fascia, dietro in graduatoria, perché gli altri sono risultati idonei ad un concorso completamente diverso dal suo, non essendo stati banditi nella stessa fase concorsuale un corrispettivo nelle sue classi di concorso di pertinenza del Liceo Musicale, con 5 domande a risposta aperta sulla sua materia, perlomeno, o sbaglio?

No, perché il nostro lo stiamo aspettando, con ansia, è l’ordinario ruolo 2020 per Tecnologie Musicali A063, con tre prove da sostenere, la scritta, la pratica e l’orale; per un solo posto in tutt’Italia nella Regione Basilicata.

Ma, vi faccio un esempio pratico di come cambiano le cose per una disattenzione nello scrivere i bandi in maniera disordinata e improvvisata, inserendo il solito Allegato E che doveva decadere con la fase transitoria specifico per i licei musicali:

  • Docente che ha insegnato nelle scuole medie ed alcune ore di completamento al liceo Musicale (per tanti strumenti non ci sono state tante ore, spesso anche per 2, 3 ore).
  • Sostiene il concorso per le scuole medie educazione musicale A030 oppure Strumento musicale A056. La sola idoneità al concorso sostenuto ha dato diritto all’abilitazione nella classe di concorso stessa, ma anche, per questo copia incolla, un refuso di legge, per tutte le materie insegnate negli anni nei licei Musicali.
  • Aggiorna, quindi, Tecnologie A063 oppure A064 Teoria analisi e composizione in I fascia, come se fosse abilitato, avendo sostenuto un concorso su competenze completamente differenti.

Paradossalmente può aggiornare 3, 4 o addirittura 5 classi di concorso in un colpo solo, dipende da quello che ha insegnato, anche per poco.

Ma inoltre pensateci un attimo: stiamo dando l’abilitazione in TEC oppure su TAC, oppure su Contrabbasso con 5 domande a risposta aperta riguardanti argomenti di Educazione musicale alle scuole Medie??

Mi rifiuto di pensare che l’autore di questo decreto abbia volontariamente dato la possibilità, con il “refuso selvaggio da allegato E”, l’opportunità ad un docente  risultato idoneo al concorso A030, il quale abbia correttamente dimostrato competenze nel rispondere ai cinque quesiti di educazione musicale, di abilitarsi anche all’insegnamento di materie quali tecnologie musicali oppure teoria analisi e composizione o storia della musica o ancora strumento, materie che prevedono competenze specifiche totalmente diverse da quelle dimostrate dal docente in questione. 

 A meno che questo decreto non sia una sanatoria.  

Sanatoria sì, in opposizione  con quanto  più e più volte dichiarato, nei dibattiti politici inerenti il MIUR, che vedono tuttora  contrapposte fazioni nel decidere  sull’opportunità o meno di far partire un concorso abilitante, un PAS specifico per appianare tali divergenze di reclutamento, se fosse o meno il caso di risolvere questa faccenda una volta per tutte.

E invece no! Ma come, non vogliamo le abilitazioni, i PAS, e poi ci permettiamo queste sviste che aprono voragini e abilitazioni a pioggia?

Ci rendiamo conto che in questo momento ci sono docenti che prendono  2, anche  3 e più abilitazioni in un colpo solo?

Ma un vero abilitato in queste materie, esiste oppure no?

Certo che no. Non ci sono mai stati corsi in questo senso e sarebbe ora di farli, subito!

Attendiamo una risposta e una reazione forte in questo senso da parte del Ministero con un chiarimento in nota ufficiale per fugare qualsiasi dubbio agli USP di competenza, dando istruzioni in merito al depennamento e ricollocazione di questi docenti nella loro fascia GPS di pertinenza per ogni materia, da aggiornare e da non aggiornare assolutamente.

Perché delle due, l’una: se il MIUR non chiarisce ufficialmente, allora voleva fare proprio così e quindi l’ennesima volta che si mette in campo una maxi sanatoria.

Francesco Congedo