Home Attualità Greta Thunberg torna a scuola, l’anno sabbatico è finito ma la battaglia...

Greta Thunberg torna a scuola, l’anno sabbatico è finito ma la battaglia per il clima continua

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Postando una sua foto sorridente e con lo zaino in spalla, l’attivista Greta Thunberg ritorna tra i banchi e dà l’annuncio su Twitter: “Il mio anno sabbatico è finito ed è così bello tornare finalmente a scuola!”.

Il ritorno sui banchi

Torna così alle sue lezioni liceali la 17enne ragazza “terribile” che con i suoi “scioperi per il clima”, sebbene dovesse anche fare i conti con la sindrome di Asperger, è diventata un simbolo della lotta contro il riscaldamento globale. Al punto di arrivare – nel corso della sua partecipazione all’Onu e alla conferenza sul clima delle Nazioni Unite –a tenere testa ai leader dei più potenti Paesi del mondo.

In molti già scommettono, comunque, che la battaglia di Greta per il clima e per combattere il surriscaldamento creato dall’uomo non finirà qui.

ICOTEA_19_dentro articolo

Cosa ha fatto nell’ultimo anno Greta

All’inizio dell’estate del 2019, Greta Thunberg, si era presa una pausa per concentrarsi a tempo pieno sulla sua campagna, spiegando anche che non aveva proprio più tempo per proseguire gli studi.

Nel corso dell’ultimo anno, la ragazza si è recata a New York al summit sul clima, a margine dell’Assemblea generale svolta in Cile a dicembre. In precedenza, Greta aveva partecipato alla Cop24, la ventiquattresima conferenza sul clima tenuta a Katovice, in Polonia, dove ha tenuto un discorso che ha fatto il giro del mondo.

In Italia è stata presente la scorsa estate a Roma, in Piazza del Popolo, per parlare con gli attivisti italiani.

I genitori sempre con lei, forse non disinteressati

Ad accompagnare e sostenere Greta c’erano sempre i suoi genitori. Secondo Andreas Henriksson, giornalista d’inchiesta svedese, c’è chi sull’immagine di Greta avrebbe in qualche modo speculato: lo ha scritto anche il sito internet L’altra campana, dopo che qualche giorno prima sulla stessa linea si era espresso anche Il Messaggero.

Secondo la ricostruzione giornalistica, “lo sciopero scolastico altro non era che parte di una strategia pubblicitaria più ampia per lanciare il nuovo libro della madre di Greta, la celebre cantante Malena Ernman – che nel 2009 partecipò anche all’Eurovisione vanta diverse apparizioni televisive. E il grande stratega mente di questa campagna sarebbe Ingmar Rentzhog, esperto di marketing e pubblicità, che ha sfruttato a sua volta l’immagine della ragazza per lanciare la sua start up”.

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese