Home Politica scolastica Il rapporto: le perdite di apprendimento per il Covid potrebbero costare 17...

Il rapporto: le perdite di apprendimento per il Covid potrebbero costare 17 trilioni di dollari

CONDIVIDI

Secondo il rapporto di Banca Mondiale, Unesco e Unicef questa generazione di studenti oggi rischia di perdere 17 trilioni di dollari di guadagni (al valore attuale) nel corso della vita, ovvero circa il 14% del PIL globale di oggi. Il motivo? La chiusura delle scuole legata alla pandemia da COVID-19. 

Ma non solo. Il rapporto “The State of the Global Education Crisis: A Path to Recovery” mostra che nei paesi a basso e medio reddito, la percentuale di bambini che vivono in povertà di apprendimento potrebbe potenzialmente raggiungere il 70%, data la lunga chiusura delle scuole e l’inefficacia dello studio a distanza per garantire la piena continuità di apprendimento durante la chiusura delle scuole.

Icotea

E  ancora. Realtà come il Brasile, Pakistan, India rurale, Sudafrica e Messico mostrano perdite sostanziali in matematica e lettura, dimostrando inoltre che queste sono più o meno proporzionali alla durata delle chiusure. 

Tuttavia, precisa il rapporto, c’è stata una grande eterogeneità tra i paesi e per materia, status socioeconomico degli studenti, sesso e livello scolastico.

Dunque la crisi ha esacerbato le disuguaglianze nell’istruzione:

  • I bambini provenienti da famiglie a basso reddito, i bambini con disabilità e le ragazze. Questo è stato spesso dovuto alla mancanza di tecnologie accessibili e alla disponibilità di elettricità, connessione e dispositivi, così come alla discriminazione e alle norme di genere.
  • Gli studenti più giovani hanno avuto meno accesso all’apprendimento a distanza e sono stati più colpiti specialmente tra i bambini in età prescolare in fasi cruciali di apprendimento e sviluppo.
  • L’impatto negativo sull’apprendimento ha colpito in modo sproporzionato i più emarginati o vulnerabili e per gli studenti di status socioeconomico più basso in paesi come Ghana, Messico e Pakistan.
  • I dati iniziali indicano perdite maggiori tra le ragazze, poiché stanno rapidamente perdendo la protezione che la scuola e l’apprendimento offrono al loro benessere e alle loro opportunità di vita.

Ha dichiarato il Direttore UNICEF per l’istruzione Robert Jenkins: “La pandemia da COVID-19 ha chiuso le scuole in tutto il mondo, interrompendo, al suo apice, l’istruzione per 1,6 miliardi di studenti, e ha esacerbato il divario di genere. Per arginare le cicatrici di questa generazione, dobbiamo riaprire le scuole e tenerle aperte, mirare a far tornare gli studenti a scuola e accelerare il recupero dell’apprendimento”.

Il rapporto sottolinea che, ad oggi, meno del 3% dei pacchetti di incentivo dei governi sono stati destinati all’istruzione. Saranno necessari molti più fondi per il recupero immediato dell’apprendimento. Il rapporto nota anche che più di 200 milioni di studenti vivono in paesi a reddito basso e medio-basso che sono impreparati a implementare l’apprendimento da remoto durante le chiusure di emergenza delle scuole.  

Riaprire le scuole deve rimanere una priorità assoluta, implementando  programmi che devono coprire tre linee di azione chiave per recuperare l’apprendimento: 1) consolidare il piano di studi; 2) estendere il tempo dedicato all’istruzione; e 3) migliorare l’efficienza dell’apprendimento come l’istruzione mirata.

 Essa richiederà un supporto aggiuntivo agli insegnanti in modo che siano ben formati per insegnare al livello in cui si trovano i bambini. Per costruire sistemi scolastici più resilienti a lungo termine, i paesi dovrebbero considerare di:

  • Investire in un ambiente stimolante per sbloccare il potenziale delle opportunità di apprendimento digitale per tutti gli studenti.
  • Rafforzare il ruolo di genitori, famiglie e comunità nell’apprendimento dei bambini.
  • Assicurare che gli insegnanti abbiano supporto e accesso a opportunità di sviluppo professionale di alta qualità.
  • Aumentare la quota dedicata all’istruzione nella dotazione di bilancio nazionale dei pacchetti di incentivo.