Home Attualità In Italia gli stranieri extra UE laureati svolgono impieghi di basso profilo

In Italia gli stranieri extra UE laureati svolgono impieghi di basso profilo

CONDIVIDI

In Italia, la quasi totalità dei lavoratori stranieri svolge un lavoro alle dipendenze e più del 70% ricopre la posizione di operaio. Dal punto di vista dell’istruzione, il 47,5% dei cittadini non UE laureati in una disciplina STEM (Science, Technology, Engineering, Mathematics) sia impiegato con una qualifica di basso profilo, a fronte dell’1,8% degli italiani e del 21,9% dei comunitari.

Questo è quanto emerge dall’ottavo Rapporto annuale “Gli stranieri nel mercato del lavoro in Italia“, curato dalla Direzione Generale dell’Immigrazione e delle politiche di integrazione del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, in collaborazione con ANPAL Servizi SPA, presentato il 6 luglio scorso nell’ambito della manifestazione “Luci sul lavoro”.

Icotea

La segmentazione professionale, e dunque la preponderanza di profili prettamente esecutivi tra la forza lavoro straniera, è chiara e confermata dalla scarsa presenza di occupati impiegati in ruoli dirigenziali e simili: appena lo 0,4% degli occupati è dirigente e lo 0,7% quadro, a fronte dell’1,9% e del 5,8% degli italiani.

Ciò che emerge chiaramente è la dispersione del capitale umano laureato con cittadinanza straniera ed in particolar modo di quello in possesso di competenze tecnico-scientifiche. Dal Rapporto emerge in particolare come più del 90% degli italiani con un titolo STEM (Science, Technology, Engineering, Mathematics) svolga una funzione high skill e pertanto formalmente coerente, così come più dell’80% dei “Non STEM”; nel caso dei cittadini stranieri non UE, le percentuali scendono al 26,0% in un caso e al 24,4% nell’altro. Il 47,5% dei laureati Extra UE con titolo di laurea in una disciplina STEM è impiegato in qualifiche low skill, a fronte dell’1,8% degli italiani e del 21,9% dei comunitari.