Home Alunni In Italia l’integrazione dei migranti nel sistema scolastico si attesta al 5%

In Italia l’integrazione dei migranti nel sistema scolastico si attesta al 5%

CONDIVIDI

Eurydice, un network della Commissione europea che fornisce analisi sul sistema e sulle politiche educative a livello europeo, ha recentemente pubblicato un Report che analizza le politiche e le 07misure introdotte dalle amministrazioni pubbliche europee per favorire l’integrazione dei migranti nel sistema scolastico.

Il Report coinvolge, oltre ai 28 Paesi dell’Unione, la Svizzera, il Liechtenstein, la Norvegia, alcuni Paesi balcanici e la Turchia, offrendo un’analisi comparativa delle politiche e delle raccomandazioni esistenti a livello istituzionale nei diversi Paesi dalla scuola primaria a quella superiore considerando, altresì, corsi professionali d’ingresso al mercato del lavoro offerti dalle scuole.

Secondo il Report, il nostro Paese registra una proporzione tra giovani immigrati sotto i 15 anni rispetto all’intera popolazione di giovani appartenenti alla stessa classe di età inferiore al 5%, percentuale che condivide con la stragrande maggioranza dei Paesi europei che si assestano sotto il 10%.

ICOTEA_19_dentro articolo

A tal riguardo si ricorda che nella maggior parte dei sistemi scolastici i giovani migranti in età di obbligo scolastico hanno gli stessi diritti e gli stessi doveri dei loro compagni per quanto riguarda l’accesso all’istruzione e alla formazione. Inoltre in alcuni nazioni viene offerta agli studenti migranti la presenza di assistenti e mediatori culturali per facilitarne l’integrazione come pure la possibilità di accedere ad attività extracurricolari, aperte anche ai loro genitori.