Home Politica scolastica Interrogazioni parlamentari: i più produttivi sono deputati e senatori di Fratelli d’Italia,...

Interrogazioni parlamentari: i più produttivi sono deputati e senatori di Fratelli d’Italia, i dem i più pigri

CONDIVIDI
  • Credion

Secondo uno studio condotto da ADL Consulting in collaborazione con Elif Lab nel periodo da marzo 2020 a maggio 2021 i deputati e senatori hanno presentato complessivamente poco più di 1600 atti di indirizzo e di controllo (ordini del giorno, interrogazioni, interpellanze, risoluzioni e mozioni) in materia scolastica.

Atti ai quali il Governo ha risposto solo in un caso su 4.
In termini assoluti i parlamentari più attivi sono stati quelli della Lega, che hanno presentato complessivamente più di 360 atti, seguiti dai pentastellati con poco meno di 300 atti.
In terza posizione si colloca Forza Italia (251 atti), mentre in quarta posizione troviamo Fratelli d’Italia (246).

Icotea

Per valutare meglio la “produzione” di deputati e senatori noi abbiamo però rapportato il numero degli atti al numero dei parlamentari.
E a questo punto la classifica che ne viene fuori è completamente diversa e per certi aspetti sorprendente.

I parlamentari di Fratelli d’Italia hanno prodotto “solo” 246 atti, ma con una produzione media superiore e a 4 atti a testa. I più “pigri” sono stati deputati e senatori del PD, con una media di poco più di un atto a testa.

In questa tabella i gruppi sono elencati dal più produttivo al meno produttivo con riferimento ai valori assoluti.
Nell’ultima colonna viene indicata la “produttività” media per parlamentare calcolata dividendo il totale degli atti presentati per il numero dei parlamentari del Gruppo (numero indicato nella terza colonna).

  ATTI PARLAMENTARI ATTI/PARL
LEGA 361 196 1,84
M5S 297 236 1,26
PD 141 131 1,08
FI 251 129 1,95
FDI 246 56 4,39
MISTO 165 106 1,56
IV 113 45 2,51
LEU 59 16 3,69

Bisogna precisare che i dati sono indicativi in quanto la composizione dei Gruppi varia nel tempo con il passaggio di un parlamentare da un gruppo all’altro. Complessivamente, però, la tabella dovrebbe rappresentare piuttosto bene la produttività complessiva di deputati e senatori.