Home Università e Afam Iscrizione doppia facoltà è legge, il Senato dà il via libera. Sasso:...

Iscrizione doppia facoltà è legge, il Senato dà il via libera. Sasso: “in pensione un divieto fuori dal tempo”

CONDIVIDI

Il sottosegretario all’Istruzione, Rossano Sasso, commenta la decisione del Senato di dare il via libera definitivo alla proposta di legge che sancisce l’abrogazione del divieto di iscrizione contemporanea a due corsi di laurea.

Ricordiamo che il divieto risale al 1933 ed è dovuto ad un regio decreto che all’art. 142 stabilisce: “è vietata l’iscrizione contemporanea a diverse Università e a diversi Istituti d’istruzione superiore, a diverse Facoltà o Scuole della stessa Università o dello stesso Istituto e a diversi corsi di laurea o di diploma della stessa Facoltà o Scuola”.

Icotea

Con questo provvedimento migliaia di studenti avranno la possibilità di frequentare più facoltà o master, anche presso diverse università, scuole o istituti superiori ad ordinamento speciale e istituzioni dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica.

Sasso: “fondamentale per favorire l’incremento di laureati”

Il sottosegretario ha così dichiarato: “Siamo riusciti a mandare definitivamente in pensione un divieto evidentemente fuori dal tempo, il cui superamento è fondamentale per favorire l’incremento di laureati con una profonda formazione multidisciplinare, come ormai si richiede per tantissime figure professionali. Basti pensare all’interdipendenza esistente tra le discipline mediche e biologiche o tra quelle ingegneristiche e informatiche.”

E continua: “L’ampliamento dell’offerta formativa e delle possibilità di diversificare la propria carriera universitaria sono vitali per offrire ai nostri giovani un percorso al passo con le sfide della contemporaneità. Quella che prima era un’opportunità riservata a chi poteva permettersi di studiare all’estero, con un notevole esborso economico, ora sarà accessibile a tutti”.