Home Archivio storico 1998-2013 Ordinamento Istat: sono 200 mila i laureati under 35 disoccupati

Istat: sono 200 mila i laureati under 35 disoccupati

CONDIVIDI
  • Credion

I giovani, in possesso di una laurea ma privi di lavoro, sono stati 197.000 nella fascia di età compresa tra 15 e 34 anni. Erano 154 mila nel 2011, 169.000 nel 2010 e 138.000 nel 2008, primo anno di crisi. La crescita della disoccupazione c’è stata anche tra quei giovani che hanno giocato la carta della laurea per costruirsi un futuro.
Nel complesso i disoccupati laureati sono oltre 300mila per causa del fatto che il nostro Paese sta vivendo un aumento generalizzato della disoccupazione giovanile, disoccupazione che però per certi versi ha coinvolto di meno chi ha la laurea.
Secondo AlmaLaurea tra il 2007 e il 2012, la disoccupazione è cresciuta del 67% per i giovani di 25-34 anni, ma del 40% per i laureati della stessa età. Insomma, la crisi ha colpito i giovani, tutti, ma quelli con laurea hanno trovato un impiego un po’ più facilmente.
“Gli studi universitari restano un vantaggio fondamentale”, conferma il direttore di AlmaLaurea. “È vero che a un anno dal titolo, gli occupati sono in calo, circa 7 su 10. Ma è vero anche che a cinque anni dal diploma, il tasso di disoccupazione tra i laureati è bassissimo: intorno al 6%. E, nell’arco di una carriera, i dati dicono che un laureato guadagna in media il 50% in più degli altri lavoratori”
Nel totale degli occupati italiani, solo il 17,6% ha una laurea, mentre la media europea è di 29,1.
In termini generali, lo scorso anno i senza lavoro sono aumentati complessivamente di oltre 600.000 unità rispetto al 2011. E il numero di giovani tra i 15 e i 34 anni in cerca di un’occupazione è salito a 1.426.000 unità. Il rapporto tra laureati e disoccupati, in quella fascia di età, in realtà è rimasto intorno al 13,8% nel 2012. Era arrivato al 13,6% nel 2011, al 14,5% nel 2010, tutti anni in cui la crisi ha picchiato duro sull’occupazione. Il rapporto laureati-giovani disoccupati pre-crisi si attestava al 14,3% nel 2007. Dati che indicano una sostanziale stabilità.
Come si spiega allora l’allarme sui laureati? Intanto, in assoluto, 197.000 laureati senza lavoro sono comunque una cifra record che dà la misura della sofferenza di una generazione colpita più di altre dalla crisi. In massima parte si tratta di ragazze: 125.000, pari al 63% del totale Anche in questo caso, il prezzo più alto lo paga il Sud dove i laureati senza lavoro sono 87.000 contro 65.000 al Nord e 45.000 al Centro.
Si assottiglia inoltre il vantaggio tra laureati e non laureati disoccupati: i primi sono aumentati del 27,6% rispetto al 2011, i secondi del 30,1%. La laurea rappresenta dunque ancora oggi un antidoto alla disoccupazione ma inferiore al passato: la durezza della crisi si accanisce soprattutto sulle fasce più giovani della popolazione attiva. Tuttavia se il tasso di disoccupazione dei laureati è del 13,8%, quello dei diplomati è del 18,9% e sale al 24,9% tra i ragazzi fermi alle medie. L’ultima considerazione riguarda l’aumento dei laureati in Italia che fa inevitabilmente salire la loro incidenza sui disoccupati nella fascia di età presa in considerazione. Eppure, siamo ancora ai livelli più bassi della Ue dove il 34,6% dei giovani di 30-34 anni ha un titolo universitario contro il 20,3% in Italia.