Home Alunni Le bambine più brave già a 9-10 anni, poi il gap aumenta

Le bambine più brave già a 9-10 anni, poi il gap aumenta

CONDIVIDI
  • Credion

La maggiore predisposizione delle bambine verso gli studi si comincia ad intravedere quando hanno 9 o 10 anni: a quell’età, le femmine leggono e scrivono meglio dei coetanei maschi. Successivamente, il divario che cresce e diventa sensibile nell’adolescenza. A queste conclusioni sono giunti i ricercatori autori di un vasto studio realizzato negli Stati Uniti e pubblicato sulla rivista scientifica American Psychologist.

Il divario maggiore nella scrittura

Durante lo studio sono stati analizzati 3,4 milioni di ragazzi statunitensi di 9-10 anni, 13-14 anni e 17-18 anni.

Ebbene, dai test è stato confermato che le ragazze, in generale, hanno ottenuto punteggi significativamente più alti dei ragazzi sia nella lettura sia nella scrittura durante il quarto anno della primaria.

Questo divario si è ulteriormente ampliato nel terzo anno della secondaria di I grado e all’ultimo anno della secondaria di II grado.

La differenza è stata molto più significativa per la scrittura rispetto alla lettura.

Forse dipende dagli emisferi

I ricercatori hanno avanzato diverse teorie per spiegare i risultati. I ragazzi avrebbero statisticamente più probabilità di avere una difficoltà nell’apprendimento e la pressione dei coetanei a conformarsi alle norme maschili che potrebbe indurli a non giudicare la lettura una priorità.

Un’altra spiegazione potrebbe essere nelle differenze di genere nel comportamento.

Gli esperti, infine, ipotizzano che le ragazze arrivino a usare entrambi gli emisferi cerebrali quando si trovano davanti a compiti di lettura e scrittura, mentre i ragazzi hanno maggiori probabilità di usare un singolo emisfero del cervello.

Un gap innato e non derivato

Ora, però, prescindendo dalle motivazioni, secondo gli esperti statunitensi un dato appare ormai conclamato: quello relativo al fatto che il gap non derivi dalle esperienze, ma sia innato.

“Il pensiero comune – ha detto David Reilly, della Griffith University e autore principale dello studio – è che i ragazzi e le ragazze della scuola elementare inizino con la stessa abilità cognitiva, ma questa ricerca suggerisce il contrario”.