Home I lettori ci scrivono Linee guida per la riapertura delle scuole: un’occasione non colta

Linee guida per la riapertura delle scuole: un’occasione non colta

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Il Ministero dell’istruzione ha diramato le linee guida per la riapertura delle scuole: non ha riconosciuto l’origine dello stallo che ammorba l’istituzione, anzi, ha intensificato la nebulosità che avvolge il servizio scolastico e ha rinforzato la miopia della dirigenza delle scuole.

In questo scritto si evidenzierà il contrasto tra il procedere secundum legem e la proposta ministeriale: l’autonomia delle istituzioni scolastiche, la formazione dei docenti e le valenze didattiche delle nuove tecnologie dell’informazione forniranno l’ambito per ragionare.

Autonomia scolastica

La legge afferma che l’autonomia “si sostanzia nella progettazione e nella realizzazione di interventi di educazione, formazione e istruzione”.

ICOTEA_19_dentro articolo

Ne discende che le scuole devono elaborare e perseguire obiettivi formativi per favorire l’ingresso dei giovani nei diversi contesti; devono elaborare e perseguire obiettivi educativi, per “tirare fuori” e potenziare le capacità degli studenti; devono ottimizzare l’istruzione facendo convergere gli insegnamenti verso i traguardi di sistema.

Le indicazioni ministeriali, invece, riguardano le forme di flessibilità: si limitano a trattare l’aspetto operativo, sconnettendolo dal terreno generativo dell’autonomia.

La formazione dei docenti

La legge definisce la scuola “sistema”: tutte le sue componenti devono cooperare, interagendo, per conseguire la finalità istituzionale.

La professionalità del docente è strettamente legata al lavoro d’équipe: collaborazione, disegno di strategie, assunzione di punti di vista differenti .. sono alcune delle sue prerogative.

Le indicazioni ministeriali, invece, trattano di didattica: la visione sistemica è assente e la parcellizzazione degli insegnamenti è questione irrisolta, non percepita?

Le nuove tecnologie dell’informazione

L’informatica studia la realtà e la modella; dopo tratta il rapporto con la strumentazione.

Il primo momento ha natura culturale, speculativa, metodologica; il secondo è operativo/ addestrativo.

Le indicazioni ministeriali trascurano il rapporto uomo/problema.

Enrico Maranzana

Preparazione concorso ordinario inglese