Home Attualità Lockdown lampo, il pediatra Farnetani: scuole chiuse per 3 settimane

Lockdown lampo, il pediatra Farnetani: scuole chiuse per 3 settimane

CONDIVIDI

Chiusura scuole e asili per 3 settimane. Il pediatra Italo Farnetani, docente della Libera Università Ludes di Malta, suggerisce un lockdown lampo che coinvolga anche la popolazione scolastica, da portare in DaD per 3 settimane nell’ottica di contenere la circolazione della variante inglese del virus. Lo spiega all’Adnkronos Salute.

“Ritengo giustificato l’innalzamento delle azioni di prevenzione per limitare la diffusione di Covid-19, soprattutto alla luce del rischio di maggior circolazione della variante inglese, in attesa del vaccino che sarà la soluzione per uscire dalla pandemia. Per questo, pur essendo sempre stato un fautore della promozione del diritto alla scuola, ritengo che purtroppo in questo momento le scuole vadano completamente chiuse. Per 3 settimane creerebbe disagio, ma non danni psicologici permanenti. Il rapporto costo-beneficio sarebbe vantaggioso”.

Icotea

Un’esigenza dettata dal fatto, secondo il medico, che la variante inglese troverebbe terreno fertile tra la popolazione giovane asintomatica delle scuole, diffondendosi con grande facilità. Una scelta dolorosa, dunque, quella della chiusura delle scuole, ma necessaria, a suo dire. Trovandosi così in accordo con Walter Ricciardi, il consigliere del Ministro della Salute Roberto Speranza e con il virologo Andrea Crisanti.

Chiusura anche delle scuole dell’infanzia

Una chiusura che secondo il pediatra Farnetani dovrebbe coinvolgere tutti i gradi di scuola, asili inclusi: “Non ci sarebbe motivo di non chiudere le scuole dell’infanzia, a maggior ragione perché i più piccoli hanno una maggior difficoltà a indossare la mascherina, e se non la portano si infettano. In generale, nella fase di entrata e uscita degli alunni ci sono sempre assembramenti, e anche i genitori giustamente aspettano fuori dagli istituti”.

E continua: “Non si rischierebbero danni permanenti. L’identificazione nel gruppo dei coetanei è fondamentale nell’infanzia e nell’adolescenza, ma un’interruzione di qualche settimana della frequenza in aula ci permette di poter arrivare in sicurezza a portare avanti il piano vaccinale. Le scuole sono sempre state una grande fonte di trasmissione degli agenti infettivi. La dimostrazione è che ogni anno la prima grande epidemia di raffreddore avviene 10 giorni dopo il ritorno fra i banchi a settembre anche se il clima è mite”.

I suggerimenti del pediatra

Ecco i suggerimenti del pediatra per contenere la variante inglese:

  1. Mascherine dai 3 anni in su: bisogna rafforzare l’uso delle mascherine, ricordando l’importanza di coprire bene anche il naso, e soprattutto facendole usare anche ai bambini da 3 anni in poi;
  2. Scuole in DaD: potenziare la didattica a distanza e farla rinunciando alle lezioni in presenza, come sacrificio di qualche settimana;
  3. Vaccini h24: accelerare le vaccinazioni anti-Covid, anche non stop, 24 ore su 24, quando ci sono le dosi disponibili. Non si tratta di una scelta politica, ma di promozione della vita e dei diritti umani.”

LEGGI ANCHE