Home Didattica Negazionismo: resta l’ipocrisia sul ruolo della scuola

Negazionismo: resta l’ipocrisia sul ruolo della scuola

CONDIVIDI

“Il testo del Senato è stato di gran lunga migliorato rispetto a quello uscito dalla Camera. Il provvedimento, tuttavia, affronta la questione dal punto di vista del Codice penale, come se la ricerca della verità storica e la consapevolezza del passato potessero essere definite nelle aule di tribunale. Rimane in tutta la sua complessità il problema di costruire questi valori. Responsabilità che viene affidata, con un passaggio superficiale, a una scuola depauperata di risorse”.

 “E’ facile ma anche ipocrita, infatti – conclude – assegnare alla scuola un ruolo educativo e formativo sulle tematiche del XX secolo senza sollevare il tema delle risorse: si sono tagliate ore di storia e geografia e si chiedono approfondimenti, si riducono fondi e, al tempo stesso, si vuole puntare su attività interculturali e di sensibilizzazione. Insomma, ci si lava la coscienza a spese di chi già sta facendo tanto gratuitamente”.

 

Icotea

{loadposition eb-motivare}

 

Anche il senatore Lucio Barani, del gruppo Grandi Autonomie e Libertà, nel corso della dichiarazione di voto sull’introduzione del reato di negazionismo nell’Aula di Palazzo Madama, sullo stessa lunghezza d’onda, ma, ha detto,  se la legge ha una sua giusta logica, è però opportuno partire dal ruolo della scuola.

“Il testo che ci apprestiamo a votare rappresenta certamente un’importante esempio di civiltà giuridica. L’apporto della Commissione Giustizia, del Presidente Palma e della relatrice Capacchione è stato fondamentale per addivenire ad un provvedimento equilibrato e ampiamente condiviso”.

“Certo è che per limitare un fenomeno tanto odioso come quello del negazionismo – ha detto ancora il parlamentare – non si può prescindere dal ruolo fondamentale che deve esercitare la scuola, chiamata a formare i nostri ragazzi. Credo, infatti, sia dalle aule scolastiche che bisogna partire per prevenire il diffondersi di pericolose idee e visioni antistoriche”.

“Nell’annunciare quindi il voto favorevole del gruppo Grandi Autonomie e Libertà – ha concluso Barani – mi appello al governo affinché le verità storiche possano emergere innanzitutto nelle aule scolastiche, piuttosto che nei tribunali dove, per di più, troppo spesso rischiano di essere successivamente sconfessate”.