Home Archivio storico 1998-2013 Precari Pagamento ferie: vertenza Flc-Cgil

Pagamento ferie: vertenza Flc-Cgil

CONDIVIDI
  • Credion

Avviare una vertenza su scala nazionale è sempre una estrema ratio, che però va portata avanti quando non esiste una ragionevole considerazione da parte dell’amministrazione.
Questo è il caso del mancato pagamento delle ferie al personale scolastico, che a causa della scadenza del contratto, al termine delle lezioni o al termine delle attività didattiche, non ha potuto fruire delle ferie nei periodi antecedenti il giugno 2013.
A tutela dei lavoratori della scuola con supplenza fino al 30 giugno a cui non è stato corrisposto il compenso per le ferie non godute al termine dell’anno scolastico 2012-13, non prima di avere tentato un confronto conciliante, la FLC CGIL ha avviato quindi una vertenza nazionale.
Bisogna ricordare che la legge di stabilità 2013, al comma 56 dell’art.1 prevede, senza lasciare dubbi a spazi interpretativi, che le nuove norme sulla non monetizzazione delle ferie non godute si applichino a partire dal primo settembre 2013.
Invece come viene evidenziato da una discutibile nota interpretativa del Mef, i lavoratori non avrebbero più diritto al pagamento delle ferie, dall’entrata in vigore della legge di stabilità 2013. Quindi sempre secondo il Ministero di economia e finanza, il personale scolastico è chiamato a fruire, anche d’ufficio se è il caso, delle ferie, nei periodi di sospensione delle lezioni vacanze natalizie, pasquali e nei periodi di settembre e giugno. Secondo il sindacato tale comportamento, adottato dall’Amministrazione nei confronti del personale precario è illegittimo almeno per quello che attiene l’anno scolastico scorso; invece è corretta, a meno di eventuale sentenza contraria della Corte costituzionale, l’applicazione del divieto di monetizzare le ferie per l’anno scolastico attualmente in corso.
Il sindacato guidato da Mimmo Pantaleo è convinto, attraverso la voce dei suoi legali, di poter recuperare le somme dovute alle ferie non godute, per coloro che aderiranno a tale vertenza.