Home Pensionamento e previdenza Pensioni: Governo e sindacati a confronto

Pensioni: Governo e sindacati a confronto

CONDIVIDI

Il 2022 dovrebbe rappresentare l’anno per riformare il sistema pensionistico italiano.

La legge di bilancio nell’introdurre la quota 102 (64+38), la conferma dell’opzione donna e l’ape social, implementata con nuove categorie di lavoratori a rischio, ha lasciato aperto il confronto al fine di attuare una riforma stabile introducendo forme di flessibilità volte a superare la rigidità della riforma Fornero.

Icotea

Incontro Governo-sindacati

Il 16 febbraio 2022 l’incontro tra governo e sindacati, al fine di introdurre forme di flessibilità nel sistema pensionistico in modo da non penalizzare i lavoratori e nello stesso tempo di non dimenticare le future generazioni, non ha sortito a nessuna soluzione, anche se si è preso atto di una certa apertura da parte del governo.

Proposte sindacali

Nell’incontro, i sindacati hanno avanzato due proposte la prima che prevedeva la possibilità di andare in pensione con 41 anni di contributi senza alcun altro vincolo, è stata completamente rigettata da parte del governo.

La seconda proposta che prevedeva la possibilità di andare in pensione all’età di 64 anni è stata accolta dal governo ma con la condizione di ridurre del 3% la quota per ogni anno mancante al raggiungimento dei 67 anni d’età.

Considerazioni sindacali

I tre responsabili sindacali Cgil, Cisl e Uil se da un lato hanno apprezzato la

volontà del governo di modificare la legge Fornero prevedendo una riforma basata sul ricalcolo contributivo per le eventuali uscite anticipate, dall’altro hanno considerato eccessiva la riduzione del 3% per tutti i lavoratori che dovessero decidere di andare in pensione prima dei 67 anni.

In attesa di un nuovo incontro i rappresentanti sindacali così si sono pronunciati:

  • per la UIL Domenico Proietti ha dichiarato “È significativo che il Governo riconosca che bisogna introdurre una flessibilità nell’età di accesso alla pensione. Giudichiamo sbagliata l’idea di legare questa flessibilità al ricalcolo contributivo che sarebbe un ulteriore penalizzazione».
  • per la CGIL Roberto Ghiselli ha detto “Bene l’apertura del governo, ma attendiamo ora di conoscerne nel dettaglio il merito. Si rischia un taglio del 30%”
  • per la Cisl Ignazio Ganga nell’apprezzare la disponibilità del governo si oppone al ricalcolo. ” Lo scambio non può essere quello del ricalcolo contributivo. Se c’è una traiettoria comune bisogna vedere come ci si arriva”.