Home Attualità Per il principio di precauzione le scuole dovrebbero rimanere aperte, lo dice...

Per il principio di precauzione le scuole dovrebbero rimanere aperte, lo dice un gruppo di scienziati

CONDIVIDI
  • Credion

“In Italia, dove le classi sono rimaste chiuse ben più a lungo che negli altri Paesi europei, non c’è correlazione significativa tra diffusione dei contagi e lezioni in presenza”: è quanto si legge oggi in un articolo pubblicato sul Corriere che riporta gli esiti di una importante ricerca condotta da una squadra di epidemiologi, medici, biologi e statistici tra cui Sara Gandini dello Ieo di Milano.
“Gli studi – spiega il Corriere – analizzano i dati del Miur incrociandoli con quelli delle Ats e della Protezione civile fino a coprire un campione iniziale pari al 97% delle scuole italiane: più di 7,3 milioni di studenti e 770 mila insegnanti”.

“I numeri – osserva Sara Gandini – dicono che l’impennata dell’epidemia osservata tra ottobre e novembre non può essere imputata all’apertura delle scuole”.
“In mancanza di evidenze scientifiche dei vantaggi della chiusura delle scuole – conclude l’esperta – il principio di precauzione dovrebbe essere quello di mantenere le scuole aperte per contenere i danni gravi, ancora non misurabili scientificamente in tutta la loro portata e senz’altro irreversibili sulla salute psicofisica dei ragazzi e delle loro famiglie”.

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook