Home I lettori ci scrivono Preoccupati dal ritorno in presenza per così poco tempo

Preoccupati dal ritorno in presenza per così poco tempo

CONDIVIDI

Spett.le Redazione
Salve, siamo genitori preoccupati riguardo alla ripresa della scuola in presenza dopo le vacanze pasquali. A ormai soli due mesi dalla fine della scuola, perchè ci si è ostinati a voler tornare in aula e non usufruire della Dad? Cosa è cambiato dal mese di marzo, quando si è deciso di chiudere le scuole?

Non capiamo perché non si possa lasciare la scelta ai genitori tra lezioni in presenza e didattica online, come è accaduto anche nella regione Puglia a novembre scorso. Non si potrebbero lasciare libere le famiglie di optare per la didattica a distanza, come del resto abbiamo fatto da un mese a questa parte? Non si possono obbligare le famiglie a portare i figli a scuola, del resto non si può nemmeno negare il diritto all’istruzione che anzi andrebbe difeso con ogni mezzo. Anni fa una simile situazione avrebbe impedito la continuità scolastica, ma oggi con i mezzi che ci sono a disposizione, sarebbe opportuno investire nel digitale.

Icotea

E’ giusto che a decidere siano le autorità o che tale scelta competa esclusivamente alla comunità scientifica, che sottopone i dati al Governo e che non vengano coinvolte invece anche le famiglie che ne sono direttamente interessate?
Ci stiamo forse dimenticando della situazione di “emergenza” che abbiamo vissuto e stiamo tuttora vivendo? A cosa serve “la zona rossa”, se poi riaprono le scuole senza che sia terminata la campagna di vaccinazione per il personale scolastico o senza prevedere ulteriori misure di controllo per rendere la scuola stessa più sicura, oltre che per il personale scolastico, per gli alunni stessi e le loro famiglie (tamponi etc.)? Ricordiamo che intorno al “mondo scuola” ruotano innumerevoli figure, non si tratta dei soli studenti!

Sono sicuramente scelte legate alla politica più grandi di noi e che non ci è dato di capire, ma è giusto doverle accettare tacendo e rischiando sulla nostra pelle e quella dei nostri bambini?

famiglia Piffari

iscriviti

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook