Home Politica scolastica Prove Invalsi, Affinati: “La didattica odierna non si è adattata al mondo...

Prove Invalsi, Affinati: “La didattica odierna non si è adattata al mondo digitale degli studenti”

CONDIVIDI

I risultati delle prove Invalsi sono stati disastrosi. La Tecnica della Scuola ne ha parlato in questi giorni intervistando esponenti del mondo della scuola e realizzando articoli di approfondimento. Anche i giornali generalisti se ne stanno occupando: ciò significa che i risultati choc dei test Invalsi hanno colpito l’opinione pubblica.

Gli studenti hanno difficoltà di apprendimento, su questo, purtroppo non abbiamo dubbi. I risultati scarsi, addirittura disastrosi in alcuni casi, hanno aperto un grande dibattito sulla Repubblica.

Nell’edizione di domenica interviene Eraldo Affinati: “La rivoluzione informatica innesca nei giovani altri meccanismi logici, più associativi, con maggiori capacità intuitive. Non è semplice per la scuola adeguarsi a questo cambiamento epocale ed è anche troppo facile criticare i suoi ritardi e le sue disfunzioni”.

ICOTEA_19_dentro articolo

“Per ristabilire le gerarchie culturali nel mare magnum del web – afferma Affinati – sarebbe piuttosto necessario trasformare la testa di noi tutti: insegnanti, allievi, ma anche genitori”.

“Vado nelle scuole del Sud e trovo sempre una potenza fortissima negli occhi degli studenti e dei docenti. Le strutture, però, non sono adeguate, i professori lottano a mani nude contro il degrado. Ci aiuteranno i giovani laureati, i futuri docenti, forti della loro formazione digitale, ma consapevoli del peso della tradizione”.

Sullo stesso argomento:

Prove Invalsi 2019, la presidente Ajello: migliorano la didattica e gli studenti rispondono volentieri ai test [INTERVISTA]

Prove Invalsi 2019, alunni del Sud arretrano. Ricci: grosso danno al Paese, fondamentale avere docenti validi [INTERVISTA]

CONDIVIDI