Home Attualità Salute, benessere, stili di vita: idee e buone pratiche

Salute, benessere, stili di vita: idee e buone pratiche

CONDIVIDI
  • Credion

Educare alla salute, comunicare il benessere. Buone pratiche di promozione della salute è il titolo del recente seminario organizzato dall’Unità EPALE Italia, che ha presentato nuove risorse sul tema della salute. L’educazione alla salute è tra i temi forti legati all’Educazione degli Adulti nel Programma Erasmus+, proprio perché mira alla globalità della persona, verso il miglioramento dello stile e della qualità di vita. Sul questo tema l’Unità Epale Italia, la community europea dei professionisti dell’apprendimento permanente e parte di Erasmus+, ha organizzato il seminario online Educare alla salute, comunicare il ben-essere, che ha avuto come tema centrale proprio quello della salute come diritto dell’individuo e interesse della collettività tra i principi di universalità e di uguaglianza. Nell’ultimo anno – ha dichiarato Lorenza Venturi, Capo Unità Epale Italia -, la causa dell’emergenza sanitaria, l’attenzione alla salute è cresciuta in modo drammatico. L’evento organizzato da EPALE è stato pensato per favorire l’incontro tra due mondi, quello sanitario e quello educativo, per uno scambio di idee sull’educazione come strategia per migliorare il livello di benessere attraverso la promozione di stili di vita salutari e adeguati, soprattutto in una logica di invecchiamento sano e attivo.

Il webinar è stato realizzato in collaborazione con l’Università degli Studi di Torino e ha proposto una riflessione legata allo sviluppo delle competenze e delle capacità delle persone per migliorare il livello di consapevolezza dell’importanza dello star bene nella comunità, anche in presenza di patologie o di fragilità già presenti. È emerso come sia auspicabile aumentare il livello di health literacy per il cittadino per metterlo in grado di reperire informazioni e servizi, comunicare le proprie esigenze, analizzare ed elaborare il significato e l’utilità delle prestazioni, comprendere appieno le scelte, il contesto e le conseguenze.

Icotea

Le esperienze

Durante l’incontro sono state presentate alcune tra le migliori pratiche presenti sul territorio italiano, che offrono risorse utili ai professionisti del settore e disponibili anche per l’intera collettività.

RadioLinda è un’associazione che opera a tutela dei diritti dei soggetti fragili in termini di salute, che necessitano di solidarietà e assistenza; inoltre promuove il processo di sviluppo delle capacità e delle competenze delle persone per assumere comportamenti utili al mantenimento e al miglioramento della propria salute. L’associazione ha anche lo scopo di aiutare a conoscere i diritti dei pazienti, informandoli e sostenendoli anche da un punto di vista normativo e legislativo. Maggiori informazioni sono disponibili a questo link

La Asl Toscana Centro, ambito Prato ha presentato il libro, nato all’interno dell’ospedale Santo Stefano di Prato, che ha raccolto le esperienze degli operatori della sanità pratese: medici, infermieri, operatori sanitari e della vigilanza, portieri, personale delle pulizie, dell’accoglienza, dell’area tecnica. MAGGIORI INFO CLICCANDO QUI

La sede Inail di Torino ha presentato il volume Fare i racConti con il Cambiamento, basato sull’idea di utilizzare la narrazione nella gestione delle malattie, unlibro che raccoglie storie di persone che hanno vissuto o stanno vivendo l’esperienza di un infortunio o della malattia professionale, in prima persona o come famigliare, per superare il trauma e acquisiremaggiore consapevolezza dell’importanza della sicurezza sul lavoro.

Un approfondimento è disponibile in questo BLOG

SCARICA IL PDF DEL VOLUME CLICCANDO QUI

Altra esperienza importante è stata quella di Lunga Vita Attiva, un’associazione di promozione sociale nata a Trieste per rispondere alle esigenze di un territorio con caratteristiche peculiari: una popolazione di anziani tra le più alte in Italia, un solido sistema di ricerca, di medicina ed assistenza, un ampio Sistema di impianti sportivi ed una antica e diffusa cultura sportiva che si può trasformare in cultura del movimento per un invecchiamento attivo e consapevole. Il progetto Pillole di Movimento e di lunga vita è un progetto con tante attività per promuovere l’attività motoria quotidiana come farmaco di salute, per incrementare la partecipazione delle persone adulte e senior all’attività motoria e allo sport.

RISORSE E MATERIALI DE SEMINARIO

pubbliredazionale in collaborazione con INDIRE