Home I lettori ci scrivono Scherzate colle sante ma lasciate stare Dante

Scherzate colle sante ma lasciate stare Dante

CONDIVIDI
  • Credion

Per il Dantedì anche questa testata si è soffermata sulla presunta ignoranza delle più banali informazioni sulla vita di Dante da parte degli studenti. Purtroppo non sono i soli.
Nel liceo in cui insegno è arrivata pochi giorni fa una lettera dalla diocesi di Milano accompagnata da qualche pagina di esegesi dantesca di un tale Franco Nembrini con richiesta di diffusione tra i maturandi.
Secondo costui sarebbe un “fatto che Dante è diventato poeta per far colpo su Beatrice”, mentre “poi Dante non ha potuto sposare Beatrice, morta giovane”.

Ora, Beatrice morì giovane, è vero, ma questo non le impedì affatto di sposarsi. Si era sposata giovanissima, forse quindicenne, con un membro della famiglia dei Bardi, noti banchieri fiorentini. E quando morì anche Dante era già sposato, e da diversi anni. Il suo matrimonio tra l’altro era stato concordato quando egli aveva ancora dodici anni.
Perché pasticciare con informazioni tanto banali e di facile reperibilità? Forse la realtà non corrisponde all’immagine dell’amore, del sesso, del matrimonio e delle diverse relazioni che si vorrebbe difendere?

Icotea

E perché indirizzare queste puerili sciocchezze a studenti ormai maggiorenni e abituati a leggere testi specialistici di elevato livello? Forse per far passare a tutti i costi nella scuola pubblica messaggi di propaganda confessionale, spacciandoli goffamente per utili contenuti culturali?
Capisco che quest’anno ci sentiamo tutti un po’ dantisti, ma in diocesi non potrebbero limitarsi a rivolgere i loro interventi spirituali ai fedeli interessati nelle apposite sedi?

A insegnare agli studenti magari intanto ci pensa la scuola, che impiega allo scopo personale apposito. Insieme la scuola si può impegnare solennemente a non indirizzare mai alle diocesi suggerimenti circa i contenuti delle omelie da pronunciarsi durante le messe.
In fondo si tratterebbe di ispirarsi alla dantesca teoria dei due soli, appena adattata alla bisogna.

Andrea Atzeni

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook