Home Alunni Scuola e design: la nazionale acconciatori veste Majorana-Girifalco

Scuola e design: la nazionale acconciatori veste Majorana-Girifalco

CONDIVIDI

Uno dei settori del Made in Italy è la moda che cammina insieme al design. Moda e design sono due facce della stessa medaglia che rappresentano una sfida per la ricerca e che non fa meraviglia se i primi a raccogliere siano gli studenti come quelli dell’Istituto Majorana di Girifalco in provincia di Catanzaro, diretto dal DS Tommaso Cristofaro.

I giovani del corso di moda, seguiti dalle Professoresse Sandra Serratore e Paola Zaccone, coordinati dalla Professoressa Marcella Brescia infatti, hanno creato il design per la divisa che verrà indossata dalla nazionale italiana acconciatori in occasione del Festival Mondiale della Coiffure e dell’estestica che si terrà il 29 e 30 ottobre al centro congressi Ariston di Paestum.

Si tratta di un evento, promosso dal CAT (Confederazione Artistica e Tecnica della Coiffure) e supportato dall’accademia CAT di Catanzaro. CAT è una confederazione che ha fra i suoi fini quello di promuovere la creazione artistica e coprire talenti, e conta sempre più adesioni a livello internazionale ed in Calabria, il cui Presidente regionale è Marco Aceto, che fra l’altro è anche membro della nazionale insieme all’altro calabrese Cris Greco, in stretta collaborazioe con il CAT della provincia di Catanzaro, presieduto da Anna Giglio punta molto sul mondo della scuola, specie gli istituti dell’indirizzo moda, come quello di Girifalco, dove si formano i futuri professionisti del settore.

In mezzo alla notizia

Sinora eravamo abituati a leggere la storia dei grandi stilisti che hanno fatto grande il Made in Italy, frutto di esperienze personali, come è il caso di Versace, che ebbe i primi contatti col mondo della moda da ragazzino, lavorando con la madre sarta di professione, oggi invece è la scuola che offre opportunità a coloro che sono interessati in questo settore. Una scuola che si apre al mondo del lavoro e in questo caso con una opera dell’ingegno, offre anche un’occasione di maggiore visibilità al proprio territorio. Le camicie infatti, porteranno oltre al marchio della Scuola anche quella della Errebiemme, storica sartoria di Amaroni (Cz)

Non si può non osservare come l’esperienza del Majorana di Girifalco, possa rappresentare anche un importante precedente che coerentemente con la riforma scolastica in atto, presenta le potenzialità dell’innovazione in campo scolastico che se ben sfruttate possono portare risultati positivi non solo nella didattica in senso stretto.

CONDIVIDI