Home Valutazioni SONDAGGIO – Valutazione docenti e dirigenti, favorevole o contrario?

SONDAGGIO – Valutazione docenti e dirigenti, favorevole o contrario?

CONDIVIDI

Al recente convegno sulla valutazione organizzato dal sindacato Flc Cgil si è parlato dell’ipotesi che il personale scolastico possa essere sottoposto a qualche forma di valutazione, legata, ad esempio, agli esiti delle prove Invalsi, al fine di raccogliere spie e segnali del funzionamento del sistema scolastico nel suo complesso. La Tecnica della Scuola, sull’argomento, ancora una volta interroga i propri lettori.

PARTECIPA AL SONDAGGIO

Nell’atto di indirizzo il Ministro Bianchi dice di volere rafforzare il sistema di valutazione nazionale estendendolo al lavoro dei docenti e dei dirigenti. Gli esiti di tale valutazione faranno da supporto al processo di autonomia scolastica. Ebbene, in che modo questi test possono migliorare la professione del docente e del dirigente? Questa la domanda che è stata posta al Ministro durante il convegno.

Icotea

Patrizio Bianchi ha risposto in modo vago, affermando: “Tutti noi che facciamo ricerca sappiamo che abbiamo bisogno dei dati ma i dati vanno presi con molta attenzione, avendo chiaro a cosa servono e in quale contesto vengono raccolti. Non c’è in nessun modo il mito del dato di per sé, né sono convinto che il dato governi le scelte, il dato deve servire come supporto“.

Un tema sul quale non ha tardato a dire la sua Antonello Giannelli, numero uno dell’Anp: “Necessario dare un ruolo maggiore ai presidi e ai comitati di valutazione interni alle scuole”. Tuttavia il presidente Anp ha preso le distanze da un eventuale coinvolgimento dell’Istituto nazionale di valutazione nell’operazione. “I risultati delle prove Invalsi non sono direttamente utilizzabili. L’Invalsi è uno strumento diagnostico, serve per decidere la metodologia didattica da utilizzare nelle scuole, dai risultati degli studenti non è direttamente deducibile il valore del professore”.

Peraltro – aggiunge Antonello Giannelli – c’è anche il nodo irrisolto dei pochi dirigenti tecnici: “Abbiamo un numero davvero esiguo di ispettori, quasi inesistente. Servirebbe un ispettore ogni dieci scuole (quindi 800 persone), mentre sono 40 di ruolo e una sessantina temporanei”.

Il Ministero, intanto, attraverso l’ufficio stampa precisa: “Non si sta lavorando a voti o pagelle per dirigenti e insegnanti. Si lavora, invece, come effettivamente previsto dall’atto di indirizzo politico per il 2022, alla valorizzazione e formazione del personale e al miglioramento della valutazione del sistema scolastico nel suo complesso”.

Cosa troverai nel sondaggio

Qual è il tuo ruolo? 

  • Dirigente
  • Docente
  • Genitore
  • Studente
  • Ata
  • Altro

Qual è il grado di scuola in cui sei coinvolto?

  • Scuola dell’Infanzia
  • Scuola I Ciclo (Primaria e Medie)
  • Scuola Secondaria Superiore
  • Nessuno dei precedenti

In quale regione d’Italia vivi o lavori attualmente?

  • Nord
  • Sud
  • Centro
  • Isole

Sei favorevole o contrario a qualche forma di valutazione dei docenti?

  • Favorevole
  • Contrario
  • Non so

Sei favorevole o contrario a qualche forma di valutazione dei dirigenti scolastici?

  • Favorevole
  • Contrario
  • Non so