Home Politica scolastica Sport e Scuola, Fioramonti: “Tutti uniti contro il razzismo”

Sport e Scuola, Fioramonti: “Tutti uniti contro il razzismo”

CONDIVIDI

Figc e Miur insieme per lo sviluppo di una progettualità dedicata alle scuole del territorio.

Una collaborazione che, anche per il 2019-2020, ha dato seguito al macro progetto didattico-sportivo “Valori in rete”.

Una proposta formativa presentata a Coverciano, attuata con il Settore Giovanile e Scolastico della Figc e che si articolerà n 7 progetti rivolti a tutte le scuole.

ICOTEA_19_dentro articolo

Il ministro dell’Istruzione, Lorenzo Fioramonti, ha parlato a Coverciano a margine dell’evento di presentazione delle progettualità formative sviluppate in collaborazione tra FIGC e MIUR per l’anno scolastico 2019/2020: “Questa è la crescita culturale del nostro Paese, la crescita della società. Lo sport è una grande leva di emancipazione, una grande chiave per il benessere collettivo ed è anche un’opportunità per far emergere talenti e diffondere una cultura di partecipazione. È quindi importante che lo sport abbia luogo nell’istituzione preposta a costituire questo tessuto sociale che è la scuola. Dobbiamo fare in modo che le scuole siano sempre di più dei laboratori di partecipazione. La scuola deve offrire strutture e percorsi sportivi poi le famiglie possono anche costruirseli a lato, ma la società deve garantire che chiunque possa avere accesso gratuitamente o a costi molto, ma molto bassi a tutte le attività ricreative che fanno grande un paese”.

E sul razzismo nelle scuole dice: “È fondamentale che la scuola ed il mondo dello sport si uniscano in una visione diversa di una società integrata. Il razzismo e l’intolleranza diventano sempre più forti lì dove ci sono divisioni e paure. Il calcio, lo sport più popolare al mondo ed in Italia, abbia uno scatto di orgoglio forte e rinneghi qualunque tentazione ed intolleranza al razzismo che rischia di pregiudicare la bellezza di questo sport. Facendo tornare i ragazzi e le ragazze a praticare lo sport nelle scuole, secondo noi, significa dare un colpo forte a qualunque voglia di intolleranza in questo Paese”.

I progetti scolastici per l’anno 2019-2020

Per la scuola primaria, è stato sviluppato “Giococalciando”, il progetto vincitore del premio UEFA “Best Grassroots Project”, che prevede lo sviluppo di attività ludico-motorie propedeutiche al gioco del calcio e incontri formativi organizzati dagli esperti del Settore Giovanile Scolastico.

Tutti in Goal” e “Ragazze in Gioco”, sono le attività didattico-sportive dedicate alla scuola secondaria di primo grado: la prima che prevede un torneo di calcio a 5 con squadre composte da ragazzi e ragazze, e la seconda finalizzata alla promozione del calcio femminile, con un torneo di calcio a 5 con team formati solo da studentesse.

L’offerta formativa agli istituti prosegue con l’organizzazione dei “Campionati Studenteschi”, promossi da MIUR e Sport e Salute, in collaborazione con la Federazione, rivolta a tutte le scuole secondarie di primo e secondo grado, che si articola attraverso un percorso sportivo di calcio a 5 e calcio a 11 e calcio a 7 per le scuole medie.

Particolare attenzione, nell’ottica della formazione e della tutela allo studio, è stata rivolta agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado, con i progetti “Il Calcio e le Ore di Lezione”, prevede incontri formativi realizzati dai rappresentanti della FIGC delle leghe Serie A, B e Pro e delle componenti tecniche (AIA e AIAC) attraverso dibattiti con gli studenti ed insegnati di tutte le scuole; “le Convenzioni con i Licei Scientifici a indirizzo sportivo per l’attività didattica integrata”, che rappresentano per gli studenti la possibilità di arricchire la propria formazione acquisendo, oltre olle conoscenze di base, competenze specifiche della disciplina giuoco calcio; “le Convenzioni le istituzioni scolastiche per il PCTO (ex Alternanza Scuola Lavoro)”, che permette agli studenti la possibilità di arricchire la propria formazione acquisendo, oltre alle conoscenze di base, competenze specifiche certificate dall’istituzione scolastica e spendibili nel mercato del lavoro.

Nell’ambito formativo, di concerto con l’AIA sono stati sviluppati “i Corsi per Arbitro Scolastico”, una proposta finalizzata a educare al rispetto delle regole e degli altri e che consentirà agli studenti di conseguire la qualifica di Arbitro Effettivo AIA, con la possibilità di dirigere gare della Federazione Italiana Arbitri.

Tutte le informazioni relative ai progetti scolastici della FIGC sono disponibili sul portale www.valorinrete.it.

CONDIVIDI