Home Attualità Studenti, aumenta sempre di più la capacità di lettura per navigare su...

Studenti, aumenta sempre di più la capacità di lettura per navigare su Internet

CONDIVIDI
  • Credion

I ragazzi di oggi stanno sempre più migliorando la capacità di lettura per navigare consapevolmente su Internet: è aumentato negli ultimi anni il know how che consente loro di orientarsi meglio rispetto al passato nel mondo sempre più digitalizzato in cui viviamo cosi come è aumentato anche il tempo di utilizzo degli strumenti digitali.

Questo è il quadro che emerge dal rapporto OCSE dal titolo “21st Century Readers: Developing literacy skills in a digital world” che ha esplorato in che modo gli studenti e le studentesse di 15 anni stiano sviluppando la capacità di lettura per navigare nell’era dell’informazione digitale. L’indagine è stata condotta in 79 Paesi mentre i risultati sono stati presentati durante un evento ospitato dalla Commissione europea.

La ricerca OCSE

La ricerca mostra che i sistemi in cui vengono trasmesse le competenze digitali hanno una percentuale più alta di studenti in grado di distinguere correttamente i fatti dalle opinioni quindi dimostrano una migliore capacità di orientarsi nella lettura mediante strumenti digitali.

Tuttavia, emerge anche che i Paese hanno ancora dei gap da colmare: solo la metà (54%) degli studenti dei Paesi Ocse, infatti, riceve insegnamenti adeguati a riconoscere se le informazioni online siano distorte e meno, mentre solo uno su dieci riesce a distinguere con efficacia i fatti dalle opinioni.

Secondo quanto riportato da Ansa, Il Rapporto afferma inoltre il quadro tra i Paese è oltremodo eterogeneo, infatti l’accesso degli studenti alle tecnologie digitali e la formazione su come usarle varia notevolmente a seconda dei Paesi e dal contesto socioeconomico.

Gli studenti provenienti da alcuni Paesi come Australia, Canada, Danimarca e Stati Uniti hanno quasi il doppio delle probabilità di ricevere una formazione su come rilevare informazioni distorte rispetto ai coetanei di Israele, Lettonia, Repubblica Slovacca, Slovenia e Svizzera.

Non è tutta rosea la situazione

Ad eccezione di Portogallo e Ungheria i ragazzi che vivono in contesti meno avanzati hanno ridotte probabilità di ricevere una formazione specifica sulla capacità di analizzare e saper convalidare le informazioni prese da Internet.

Il rapporto arriva nel momento giusto perché mai come in questo ultimo anno a causa della pandemia l’uso di Internet e degli strumenti digitali ha avuto un’importanza strategica per la nostra vita e il nostro quotidiano. Lo schermo del pc o dello smartphone sta diventando sempre la “finestra sul mondo” per questo è importare fornire gli strumenti utili e le corrette conoscenze ai giovani per garantire loro di navigare con la giusta consapevolezza e responsabilità. Lo ha confermato anche Mariya Gabriel, Commissario europeo per l’Innovazionela ricerca, la cultura, l’istruzione e la gioventù ad ANSA,. “Questo è anche uno degli obiettivi chiave del Piano d’azione per l’istruzione digitale 2021-2027: adattare l’istruzione e la formazione all’era digitale, e garantire che i giovani abbiano le capacità e le competenze necessarie per vivere e svilupparsi in questo contesto”.

La lettura del contesto digitale richiede una valutazione continua e qualitativa delle fonti, la capacità di sapersi orientare tra contenuti che spesso possono essere ambigui e non facilmente distinguibili tra i fatti reali e quelle che invece sono semplici e personali opinioni.

Capacità di imparare a riconoscere le informazioni false o fuorvianti sono competenze necessarie per saper “leggere” il mondo digitale.

Il vasto mare di informazione a cui si accede con un semplice click, 24 ore su 24, 7 giorni su 7, richiede infatti una maggiore selettivita’ nella lettura, oltre a una maggiore capacita’ di analisi del testo.

I giovani passano sempre più tempo su Internet

Gli ultimi dati “dicono” che il consumo online degli adolescenti è passato da 21 ore settimanali a 35 (rilevazione in PISA 2012 con dati del 2018.). Non pochi per quello non vanno lasciati soli considerando che si tratta quasi di un normale orario lavorativo di un adulto

I piu’ connessi sono i ragazzi danesi con 47 ore la settimana e sopra le 40 ore ci sono i 15enni svedesi, cileni e degli Usa. Gli italiani sono invece in questo caso esattamente nella media Ocse con 35 ore, quasi il doppio comunque rispetto alle 18 ore del 2012, e per 28 ore ‘navigano’ a casa e per le altre 7 a scuola.

La formazione è dunque elemento imprescindibile su tutta la popolazione e in misura maggiore tra i giovani che più di altri si “cibano” di Internet e usano sempre più il cellulare.

Consapevolezza, formazione, analisi critica. La scuola ha il compito di trasmettere queste conoscenze partendo dalle fasce più piccole di studenti.

iscriviti

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook