Home Didattica Studio Eurac: calo del bilinguismo in Alto Adige

Studio Eurac: calo del bilinguismo in Alto Adige

CONDIVIDI

Secondo uno studio di Eurac Research negli ultimi anni le competenze nella seconda lingua nella scuola sono notevolmente peggiorate. La ricerca ha analizzato come si è evoluta la conoscenza della seconda lingua (italiano e tedesco) da parte degli studenti delle superiori, sottoponendo al test gli studenti delle classi quarte di tutto l’Alto Adige nell’anno scolastico 2007-2008 e, a distanza di sette anni, nel 2014-2015.

 

{loadposition carta-docente}

Icotea

 

Dal confronto emerge che, sette anni fa, nelle scuole tedesche gli studenti che avevano buone competenze in italiano seconda lingua (B2) erano il 41 per cento; oggi sono circa la metà (20 per cento). Un quinto riesce a farsi capire solo con grosse difficoltà (A2), nel 2014 si trattava del tre per cento. Nella fascia intermedia (B1) non ci sono grandi novità: allora come oggi, questo è il livello di circa la metà degli studenti di lingua tedesca ed equivale alle competenze di un turista che sa esprimersi su temi conosciuti.

Per quanto riguarda il tedesco come seconda lingua, non ci sono stati peggioramenti così marcati, ma le competenze si attestano in prevalenza a un livello elementare (A2). Per la maggior parte degli studenti delle scuole italiane non è possibile partecipare attivamente a una discussione in tedesco su temi quotidiani.

Sette anni fa, al contrario, la maggioranza degli studenti – circa la metà del campione – raggiungeva il livello intermedio B1.