Home Attualità Un brutto voto? Uno stress, forse

Un brutto voto? Uno stress, forse

CONDIVIDI

Alcuni ricercatori statunitensi hanno pubblicato su “Psycological Science” uno studio secondo il quale chi vive lo stress di tutti i giorni con risposte emotive negative ha maggiori possibilità di ammalarsi.

Le emozioni negative

Spiega una delle ricercatrici dello studio: “La nostra ricerca mostra che le emozioni negative che persistono anche dopo piccole situazioni quotidiane stressanti hanno importanti implicazioni per la nostra salute fisica a lungo termine”.

La ricerca, che ha studiato le emozioni negative provate durante il giorno e quali eventi stressanti siano capitati, dopo dieci anni ha rivelato che la negatività in risposta al troppo stress è associata a un maggior numero di problemi di salute, tra cui malattie croniche, menomazioni funzionali e le difficoltà nelle attività quotidiane.

ICOTEA_19_dentro articolo

Un brutto voto? E’ uno stress

Tra gli stress esaminati  c’è, per esempio,  la gomma bucata dell’automobile o un brutto voto preso a scuola, che possono avere un’influenza nel benessere della persona.

E sue questo versante i docenti devono stare attenti. Infatti, accertata la validità scientifica dello studio, occorrerebbe però non diffonderlo troppo, e soprattutto fra certi studenti e le loro famiglie; infatti la ricerca americana potrebbe essere un altro motivo, e comunque un ulteriore alibi, per aggredire i prof, che, mettendo un brutto voto al ragazzo, si rendono colpevoli di avere provocato, oltre che scompensi psichici, anche fisici e di salute.  In pratica un brutto voto può rischiare di diventare una iattura, non solo per il povero e maltrattato studente, ma anche per la società che poi deve sborsare soldi per curare la futura malattia che lo colpirà.

Per evitare lo stress da voto, basta studiare

“Lo stress è comune nelle nostre vite quotidiane. Succede sul lavoro, succede a scuola, succede a casa e nelle nostre relazioni – dice tuttavia la ricercatrice. -La nostra ricerca mostra che la strategia di ‘lasciar perdere’ potrebbe essere vantaggiosa per la nostra salute fisica a lungo termine”.

Dunque il consiglio è di “lasciar perdere”, senza però specificare se dovrebbe farlo il prof, evitando di mettere un cattivo voto, o l’alunno e la famiglia a ribellarsi. Nel dubbio, pro reo, anche se, per evitare un brutto voto, e quindi il conseguente stress (quando viene percepito come tale), basterebbe solo studiare e studiare.

CONDIVIDI