Home I lettori ci scrivono Un sentito ringraziamento alla Ministra Azzolina

Un sentito ringraziamento alla Ministra Azzolina

CONDIVIDI
  • Credion

In questi giorni in cui è particolarmente attaccata e criticata volevo spezzare una lancia in favore della nostra Ministra Lucia Azzolina. Nei mesi del suo operato, pochi ma significativi, ha offerto a tutti noi docenti e ai ragazzi un grande esempio per comprendere il mestiere del politico.
La Ministra Azzolina è riuscita nel difficile compito di non ascoltare nessuna delle parti coinvolte nella scuola: sindacati, assessori regionali, viceministri, collaboratori della maggioranza, opposizione, governatori delle regioni, studenti, docenti, associazione nazionale dei Presidi.
È quasi sorprendente la sua determinazione a non ricorrere mai al compromesso e alla collaborazione, interpretando in modo assolutamente autoritario il suo compito. Gli incontri vengono svolti ma la natura dialogica che pertiene ad essi viene tradita con grande costanza dalla Ministra che alla fine (o fin all’inizio) decide di ascoltare solo un’opinione, la sua.
Illuminante da questo punto di vista la questione delle abilitazioni e delle assunzioni. Oltre agli incontri ufficiali, la responsabile dell’Istruzione italiana è apparsa più volte in televisione, in radio e sui social (Sky tg24, Radio 1, Porta a Porta, Facebook). In queste occasioni – forse più numerose di quelle ufficiali – ha sempre dimostrato una scarsa conoscenza delle situazioni e incarnato alla perfezione la politica della comunicazione a discapito di quella della sostanza, lasciando ogni volta sconcertati i poveri uditori di turno, i suoi collaboratori e alleati.
In Filosofia il metodo negativo è quel procedimento logico che permette di cogliere e definire un fenomeno partendo unicamente da ciò che esso non è, dal suo contrario. La Ministra, sapendo che in questo periodo è particolarmente difficile comprendere cosa sia la politica, ha deciso di impegnarsi al massimo per mostrarci cosa essa non sia.
Grazie Ministra!
Ora, però, sarebbe proprio il caso di passare al conseguente metodo positivo, con un altro interprete.

Luca Parieto

Icotea