Home Attualità Vaccini scuola. Maturandi, il punto regione per regione. Il 20% degli italiani...

Vaccini scuola. Maturandi, il punto regione per regione. Il 20% degli italiani vaccinati

CONDIVIDI

Mentre il ministro della Salute Speranza allerta i pediatri per la vaccinazione dei ragazzini dai 12 anni in su, il portale del Ministero della Salute informa di 34.470.841 somministrazioni totali, con 11.871.163 soggetti che hanno già ultimato il ciclo vaccinale con le due dosi, il che significa che il 20% della popolazione italiana è protetta dal Covid-19.

89.606 sono le dosi somministrate alla categoria 16-19 anni, su un totale di una popolazione di 2.284.359 soggetti.

Icotea

iscriviti

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook

Vaccini maturandi

Quanto ai maturandi, come abbiamo riferito la settimana scorsa, la prima a partire con i vaccini a chi si prepara alla maturità è stata la Sicilia, che ha somministrato AstraZeneca o Johnson&Johnson per gli over 18, ai minorenni Pfizer già dallo scorso 26 maggio e senza prenotazione.

La Regione Lazio e il Veneto si preparano a iniziare le vaccinazioni nei prossimi giorni 1, 2 e 3 giugno, come la Valle d’Aosta che ha predisposto uno spazio all’Astra Open Day il 2 giugno, con somministrazioni libere per tutti i cittadini dai 18 anni in su.

In Abruzzo, la Regione comunica che dal 27 maggio è attiva la piattaforma regionale per le manifestazioni di interesse alla vaccinazione anti Covid 19 riservata ai ragazzi impegnati negli esami di maturità. Le somministrazioni saranno effettuate dal 3 al 5 giugno, dalle ore 18 alle ore 23.

In Piemonte si parte con la fascia 16-29 dal 3 giugno con un’accelerata dell’ultimo momento (la data di avvio doveva essere il 4 giugno).

In Puglia il governatore Emiliano avrebbe voluto evitare distinzioni e vaccinare tutta la popolazione scolastica. Di fatto, invece, nella serata del 30 maggio, ha spinto per la vaccinazione dei maturandi con una iniziativa chiamata Notte prima degli esami, vaccinarsi è la prima prova di maturità. Si legge sul portale regionale:

Domenica 30 maggio dalle 18 alle 22 si tiene una serata dedicata alla vaccinazione di studentesse e studenti maturandi. Vaccinarsi è la prima prova di maturità e i giovani pugliesi sono invitati ad affrontarla con fiducia. L’accesso alle sedi vaccinali è programmato dalle Asl e comunicato dagli istituti scolastici. I minori di 18 anni devono essere accompagnati da un genitore o tutore. Quello di domenica è l’appuntamento che dà il via alla vaccinazione della popolazione studentesca che avverrà progressivamente, in base alla disponibilità dei vaccini.

La Campania ha aperto sabato sera alle prenotazioni dai 17 ai 20 anni: le vaccinazioni partiranno dall’1 giugno.

In Molise la vaccinazione maturandi dovrebbe partire quanto prima, il processo è in fase di attivazione.

In Liguria la fascia più giovane che può vaccinarsi è quella dei 18enni, che può prenotarsi da oggi per la vaccinazione con AstraZeneca o J&J.

In Lombardia data di partenza il 2 giugno. “Non abbiamo bisogno di fare degli open day ad hoc – ha spiegato l’assessore al Welfare Letizia Moratti – il 2 giugno apriamo le prenotazioni per tutti gli over 16. In questo momento siamo fiduciosi di vaccinare tutti i maturandi entro le date di fine scuola e delle vacanze”.

In Alto Adige il 25 maggio si è svolto l’Open Vax Day Night per ragazzi dai 18 anni in su.

Le dichiarazioni del sottosegretario alla Salute Sileri

Il sottosegretario alla Salute Sileri, sui vaccini a bambini e ragazzi rammenta: “Fortemente consigliati e sicuri, ma su base volontaria come per gli adulti”.

Il sottosegretario ha precisato che si tratta di “una vaccinazione importante, perché la circolazione del virus nei soggetti più giovani può determinare una persistenza della circolazione e una persistenza del virus stesso“. E riferisce: come vaccini anti Covid disponibili “avremo Pfizer tra i 12 e i 15 anni e probabilmente anche altri vaccini. Moderna ha già condotto studi sulla popolazione tra i 12 e 17 anni con risultati analoghi a quelli di Pfizer. Ed è verosimile che, in un prossimo futuro, avremo altri vaccini disponibili”.